GSK Infettivologia
Tumore prostata
Forum Infettivologico
Xagena Mappa

Tumore alla prostata: confronto sulla qualità di vita correlata alla salute 5 anni dopo lo studio SPIRIT


Lo studio di fase III SPIRIT ( Surgical Prostatectomy Versus Interstitial Radiation Intervention Trial ) dell’American College of Surgeons Oncology Group, che ha confrontato prostatectomia radicale e brachiterapia, è stato chiuso dopo 2 anni a causa di uno scarso arruolamento di pazienti.

Sono stati riportati i dati di qualità di vita legata alla salute ( HRQOL ) a una media di 5.3 anni per 168 uomini eleggibili per lo studio, che avevano scelto o erano stati assegnati in maniera casuale a prostatectomia radicale o brachiterapia in seguito a una sessione educazionale multidsciplinare.

Dopo un’iniziale mancanza di arruolamento, per i pazienti eleggibili è stata introdotta una sessione educazionale multidisciplinare e, in totale, 263 uomini hanno seguito 47 sessioni.

Di questi, 34 hanno dato il consenso per l’assegnazione casuale, 62 hanno scelto la prostatectomia radicale e 94 la brachiterapia.

A distanza di 5 anni, questi 190 uomini sono stati sottoposti a valutazione della qualità di vita associata alla salute mediante l’utilizzo di diversi indici e punteggi: Expanded Prostate Cancer Index Composite ( EPIC ) a 50 item specifici per il cancro, Short Form 12 ( SF-12 ) Physical Component Score e Short Form 12 ( SF-12 ) Mental Component Score.

Il tasso di risposta è stato pari all’88.4%.

Dei 168 pazienti che hanno risposto ai questionari, il 60.7% è stato trattato con brachiterapia ( 9.5% assegnati in maniera casuale ) e il 39.3% con prostatectomia radicale ( 9.5% assegnati in maniera casuale ).

L’età mediana era di 61.4 anni per la brachiterapia e di 59.4 per la prostatectomia radicale ( P=0.05 ).

Il periodo di follow-up è stato di 5.2 anni ( intervallo, 3.2-6.5 anni ).

Per il confronto brachiterapia versus prostatectomia radicale, non è emersa una differenza nei domini intestinali o ormonali dei questionari, ma gli uomini trattati con brachiterapia hanno fatto registrare punteggi migliori nei domini urinario ( 91.8 versus 88.1; P=0.02 ) e sessuale ( 52.5 vs 39.2; P=0.001 ) e nella soddisfazione del paziente ( 93.6 vs 76.9; P inferiore a 0.001 ).

In conclusione, nonostante l’assegnazione casuale al trattamento solo nel 19%, tutti i pazienti hanno ricevuto informazioni identiche in un contesto multidisciplinare prima di scegliere la prostatectomia radicale, la brachiterapia o l’assegnazione casuale.
La qualità di vita correlata alla salute valutata da 3.2 a 6.5 anni dopo il trattamento ha mostrato un vantaggio con la brachiterapia nel dominio urinario, in quello sessuale e nella soddisfazione del paziente. ( Xagena2011 )

Crook JM et al, J Clin Oncol 2011; 29: 362-368


Onco2011 Uro2011 Chiru2011



Indietro