GSK Infettivologia
Tumore prostata
Forum Infettivologico
Tumore Vescica

Terapia focale per carcinoma prostatico unifocale e multifocale


La terapia radicale sull’intera ghiandola prostatica può portare ad effetti collaterali genitourinari e rettali negli uomini con carcinoma della prostata localizzato.

È stato condotto uno studio per comprendere se l’ablazione focale selettiva di lesioni cancerose unifocali e multifocali possa ridurre questo effetto del trattamento.

Uomini di età compresa tra 45 e 80 anni sono risultati eleggibili per lo studio prospettico se avevano il tumore alla prostata localizzato con rischio da basso ad alto ( antigene prostatico specifico [ PSA ] uguale o inferiore a 15 ng/mL, punteggio di Gleason uguale o inferiore a 4 + 3, stadio uguale o inferiore a T2 ), senza precedente terapia di deprivazione androgenica o trattamento per tumore prostatico, e se potevano sottoporsi in modo sicuro a risonanza magnetica multiparametrica e anestesia generale.

I pazienti hanno ricevuto terapia focale utilizzando ultrasuoni concentrati ad alta densità, somministrati a tutte le lesioni cancerose note, con un margine di tessuto normale, identificato in risonanza magnetica multiparametrica, biopsie per il mappaggio della prostata, o entrambe.

Gli endpoint primari erano gli eventi avversi ( gravi e non ), sintomi urinari e funzione erettile, valutati utilizzando questionari somministrati ai pazienti.

Le analisi sono state effettuate per-protocollo.

Nello studio, 42 uomini sono stati reclutati nel periodo 2007-2010; un uomo, deceduto per una causa non legata alla terapia ( polmonite ) 3 mesi dopo il trattamento, è stato escluso dalle analisi.

Dopo il trattamento, un uomo è stato ricoverato in ospedale per ritenzione urinaria acuta, e un altro ha avuto interventi che hanno richiesto il ricovero in ospedale.

Nove uomini ( 22% ) sono andati incontro a disuria intermittente da lieve a moderata, scomparsa spontaneamente ( durata mediana 5.0 giorni ).

Detriti urinari si sono presentati in 14 uomini ( 34% ), con una durata mediana di 14.5 giorni.

Infezioni del tratto urinario sono state osservate in 7 uomini ( 17% ).

I punteggi mediani generali dell’Indice Internazionale di Funzione Erettile-15 ( IIEF-15 ) sono risultati simili al basale e a 12 mesi ( p=0.060 ), così come i punteggi IIEF-15 per rapporti sessuali soddisfacenti ( p=0.454), desiderio sessuale ( p=0.644 ) e soddisfazione generale ( p=0.257 ).

Deterioramento significativo dal basale a 12 mesi è stato notato per i punteggi IIEF-15 di erezione ( p=0.042 ) e funzione orgasmica ( p=0.003 ).

Dei 35 uomini con buona funzione basale, 31 ( 89% ) hanno avuto erezioni sufficienti alla penetrazione 12 mesi dopo la terapia focale.

I punteggi UCLA Expanded Prostate Cancer Index Composite ( EPIC ) di incontinenza urinaria sono risultati simili al basale e a 12 mesi ( p=0.045 ).

Si è verificato un miglioramento nei sintomi del basso tratto urinario, valutato con il punteggio International Prostate Symptom Score ( IPSS ), tra il basale e 12 mesi ( p=0.026 ), ma il punteggio IPSS-qualità di vita non ha mostrato differenze tra il basale e 12 mesi ( p=0.655 ).

Tutti i 38 uomini senza incontinenza urinaria al basale non hanno presentato perdite e non hanno dovuto utilizzare assorbenti a 9 mesi.

Tutti i 40 uomini senza bisogno di assorbenti al basale non ne hanno avuto bisogno a 3 mesi e hanno mantenuto un livello di continenza che non ha richiesto assorbenti a 12 mesi.

Non sono state riportate differenze significative nei punteggi mediani Trial Outcomes Index tra il basale e 12 mesi ( p=0.113 ), ma è stato osservato un miglioramento significativo nei punteggi Functional Assessment of Cancer Therapy ( FACT )-Prostata ( p=0.045 ) e nei punteggi mediani FACT-Generale ( p=0.041 ).

Non sono state identificate prove istologiche di cancro in 30 dei 39 uomini sottoposti a biopsia a 6 mesi ( 77% ); 36 ( 92% ) sono risultati liberi da tumori clinicamente significativi.

Dopo il ri-trattamento in 4 uomini, 39 su 41 non hanno mostrato segni di malattia nella risonanza magnetica multiparametrica a 12 mesi.

In conclusione, la terapia focale di singole lesioni cancerose alla prostata, sia multifocali sia unifocali, ha prodotto un basso tasso di effetti collaterali genitourinari e un incoraggiante tasso di assenza precoce di carcinoma prostatico clinicamente significativo. ( Xagena2012 )

Ahmed HU et al, Lancet Oncol 2012; 13: 622-632



Onco2012 Uro2012 Chiru2012



Indietro