Tumore prostata
Tumore Vescica
Xagena Mappa
Tumore rene

Tamsulosina associata a gravi eventi avversi oftalmici in seguito a chirurgia per la cataratta in uomini anziani


L’iperplasia prostatica benigna e la formazione di cataratta sono comuni negli uomini anziani. Il farmaco bloccante il recettore alfa-adrenergico Tamsulosina ( Omnic, Pradif ) è spesso prescritto per trattare l’iperplasia prostatica benigna, e alcuni studi hanno indicato che questo farmaco può aumentare le difficoltà intraoperatorie nella chirurgia della cataratta.
Nessuno studio ha finora documentato se l’uso di Tamsulosina o di altri farmaci alfa-bloccanti possa influenzare il rischio di gravi eventi avversi post-operatori.

Un gruppo di Ricercatori dell’ Institute for Clinical Evaluative Sciences di Toronto in Canada, ha valutato il rischio di eventi avversi in seguito a chirurgia della cataratta in uomini anziani ai quali era stata prescritta Tamsulosina o altri alfa-bloccanti per trattare l’ipertrofia prostatica benigna.

È stata condotta un’analisi caso-controllo di uno studio di coorte retrospettivo utilizzando il database sanitario dell’Ontario ( Canada ). Nello studio sono stati inclusi tutti gli uomini di età uguale o maggiore ai 66 anni sottoposti a chirurgia della cataratta tra il 2002 e il 2007 ( n=96.128 ).

La principale misura di esito era un composito di distacco di retina, perdita del cristallino o di un frammento di cristallino, o endoftalmite, entro 14 giorni dall’intervento chirurgico per cataratta.

Il rischio di questi eventi avversi è stato comparato tra gli uomini trattati con Tamsulosina o altri alfa-bloccanti e quelli non-esposti a tali farmaci nell’anno precedente all’intervento chirurgico per cataratta.
Sono state esaminate separatamente le associazioni ad una esposizione al farmaco recente ( entro i 14 giorni prima della chirurgia ) o precedente ( 15-365 giorni prima della chirurgia ).

In generale, 3.550 pazienti ( 3.7% ) nella coorte sono risultati esposti in tempi recenti a Tamsulosina e 7.426 ( 7.7% ) ad altri alfa-bloccanti; lo 0.3% ( n=284 ) dei pazienti ha manifestato eventi avversi.

Un totale di 280 casi sono stati confrontati con 1102 controlli, simili per età, chirurgo e anno dell’intervento chirurgico.
Gli eventi avversi sono risultati significativamente molto più comuni tra i pazienti con esposizione recente a Tamsulosina ( 7.5% vs 2.7%; odds ratio corretto, OR=2.33 ), ma non è stata osservata associazione con l’esposizione recente ad altri alfa-bloccanti ( 7.5% vs 8.0%; OR=0.91 ) o a esposizione precedente a Tamsulosina ( inferiore o uguale a 1.8% vs 1%; OR=0.94 ) o altri alfa-bloccanti ( 2.9% vs 2.1%; OR=1.08 ).
Il numero stimato di pazienti da trattare per osservare un evento avverso ( number needed to harm, NNH ) è stato pari a 255.

In conclusione, l’esposizione a Tamsulosina entro 14 giorni dall’intervento chirurgico per cataratta è risultata significativamente associata a eventi oftalmici post-operatori gravi, mentre non sono state osservate associazioni significative con l’esposizione ad altri alfa-bloccanti usati per trattare l’iperplasia prostatica benigna. ( Xagena2009 )

Bell CM et al, JAMA 2009; 301: 1991-1996

Oftalm2009 Farma2009 Uro2009


Indietro