Tumore Vescica
EAU17
Tumore prostata
Xagena Mappa

Relugolix può offrire una migliore soppressione del testosterone rispetto a Leuprolide nel cancro alla prostata in fase avanzata


I dati dello studio HERO hanno mostrato che gli uomini con carcinoma prostatico avanzato che ricevono l'antagonista dell'ormone di rilascio delle gonadotropine Relugolix ( Relumina ) hanno maggiori probabilità di avere una soppressione sostenuta del testosterone rispetto a quelli trattati con Leuprolide ( Lupron ).

Lo studio di fase 3 ha anche scoperto che Relugolix era associato a un rischio significativamente più basso per gli eventi cardiovascolari avversi maggiori ( MACE ) rispetto alla Leuprolide.

Per lo studio, gli uomini con recidiva biochimica o clinica dopo intervento primario locale con intento curativo, malattia metastatica di nuova diagnosi sensibile agli ormoni o malattia localizzata in fase avanzata probabilmente non-curata da intervento primario locale con intento curativo sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Relugolix ( 120 mg/die per via orale; n = 622 ) o agonista dell'ormone che rilascia l'ormone luteinizzante Leuprolide ( 22.5 o 11.25 mg ogni 3 mesi per iniezione; n = 308 ) per 48 settimane.

Complessivamente, il 96.7% degli uomini nel gruppo Relugolix ha presentato una soppressione del testosterone al di sotto dei livelli di castrazione ( inferiore a 50 ng/dL ) dal giorno 29 alla settimana 48.

In confronto, il tasso di castrazione sostenuta è stato dell'88.8% nel gruppo Leuprolide.

L'analisi statistica ha mostrato che con una differenza di 7.9 punti percentuali Relugolix era non-inferiore, ma superiore, alla Leuprolide per questo endpoint primario.

Inoltre, Relugolix è risultato superiore alla Leuprolide per un numero di endpoint secondari chiave, inclusa la probabilità cumulativa di castrazione il giorno 4 ( 56.0 vs 0.0% ) e il giorno 15 ( 98.7 vs 12.0% ), soppressione del testosterone a livelli di castrazione profonda ( inferiore a 20 ng/dL ) il giorno 15 ( 78.4 vs 1.0% ) e una risposta PSA ( antigene prostatico specifico ) confermata al giorno 15 ( 79.4 vs 19.8% ).

E' stato osservato che la soppressione del testosterone ai livelli di castrazione era rapida nel gruppo Relugolix, raggiungendo una media di 38 ng/dL al giorno 4, che è stata mantenuta per tutto il periodo di trattamento.

Al contrario, il livello medio di testosterone nel gruppo Leuprolide è inizialmente aumentato, a 625 ng/dL il giorno 4, prima di diminuire ai livelli di castrazione dal giorno 29 in poi.

Non solo il trattamento con Relugolix ha evitato i rischi di un aumento del testosterone e la necessità di un antiandrogeno per prevenire la riacutizzazione dei sintomi, ma la rapida soppressione del testosterone può anche essere utile per i clinici e per i pazienti quando si prendono in considerazione ulteriori interventi antineoplastici come radiazioni o chemioterapia.

Anche il recupero del testosterone è stato maggiore con Relugolix che con Leuprolide. A 90 giorni dopo l'interruzione del trattamento, i livelli medi erano 288.4 ng/dL e 58.6 ng/dL, rispettivamente, in un sottogruppo di 184 pazienti con follow-up esteso.

Inoltre, una proporzione simile di pazienti in ciascun gruppo ha manifestato un comune evento avverso, le vampate di calore ( 54.3% con Relugolix e 51.6% con Leuprolide ).

Più pazienti che hanno ricevuto Relugolix versus Leuprolide hanno manifestato diarrea di qualsiasi grado ( 12.2 vs 6.8% ), ma meno eventi MACE ( 2.9% vs 6.2% ).
In effetti, il rischio di eventi cardiovascolari maggiori era significativamente inferiore del 54% con Relugolix rispetto a Leuprolide, e i dati hanno indicato che questa differenza potrebbe essere stata ancora maggiore nei pazienti con preesistenti fattori di rischio cardiovascolare.
In questi pazienti, l'incidenza di MACE è stata del 3.6% ( 3 su 84 pazienti ) nel gruppo Relugolix rispetto al 17.8% ( 8 su 45 pazienti ) nel gruppo Leuprolide. ( Xagena2020 )

Fonte: ASCO Virtual Meeting, 2020

Uro2020 Onco2020 Farma2020


Indietro