GSK Infettivologia
Tumore prostata
Forum Infettivologico
Tumore Vescica

Radiazioni e terapia di deprivazione androgenica con o senza Docetaxel nella gestione del tumore alla prostata non-metastatico a rischio sfavorevole


Sebbene Docetaxel ( Taxotere ) non sia raccomandato nella gestione degli uomini con tumore prostatico a rischio sfavorevole che hanno dato risultati negativi o inconcludenti da precedenti studi randomizzati, possono esistere benefici non-studiati.

Tra il 2005 e il 2015, sono stati assegnati in modo casuale 350 uomini con cancro alla prostata T1c-4N0M0 a rischio sfavorevole a ricevere la radioterapia e la terapia di deprivazione androgenica ( ADT ) e Docetaxel ( 60 mg/m2 una volta ogni 3 settimane per tre cicli prima della radioterapia e 20 mg/m2 una volta alla settimana durante la radioterapia ) rispetto alla terapia ADT + radioterapia.

È stato valutato l'effetto del trattamento dell'aggiunta di Docetaxel a terapia ADT + radioterapia sull'endpoint primario della sopravvivenza globale ( OS ) e l'incidenza dei tumori indotti da radioterapia, e si è determinato se l'impatto dell'effetto del trattamento sulla sopravvivenza globale differisse all'interno dei sottogruppi di antigene prostatico specifico ( PSA inferiore a 4, superiore a 20 versus 4-20 ng/ml ) utilizzando il test di interazione per l'eterogeneità aggiustato per età e fattori prognostici di carcinoma alla prostata.

Dopo un follow-up medio di 10.2 anni, 89 uomini sono morti ( 25.43% ); di questi, 42 per tumore alla prostata ( 47.19% ).
Sebbene la sopravvivenza globale non fosse significativamente aumentata nel braccio Docetaxel ( il tempo di sopravvivenza medio ristretto su 10 anni era 9.11 vs 8.82 anni; P=0.22 ), sono stati osservati significativamente meno tumori indotti da radioterapia ( stime a 10 anni: 0.61% vs 4.90% ; hazard ratio aggiustato per età di 0.13; P=0.046 ).

L'effetto del trattamento dell'aggiunta di Docetaxel a terapia ADT + radioterapia sulla sopravvivenza globale differiva significativamente negli uomini con un PSA inferiore a 4 ng/ml rispetto a 4-20 ng/ml ( hazard ratio aggiustato, aHR: 0.27 e 1.51, rispettivamente ) a causa della minore mortalità specifica per cancro alla prostata nel braccio Docetaxel ( 0.00% vs 28.57% ) tra gli uomini con PSA inferiore a 4 ng/ml.

L'aggiunta di Docetaxel alla terapia di deprivazione androgenica + radioterapia non ha prolungato la sopravvivenza globale negli uomini con carcinoma alla prostata a rischio non-favorevole, ma ha ridotto l'incidenza del tumore indotto da radioterapia e può prolungare la sopravvivenza globale nel sottogruppo di uomini con PSA inferiore a 4 ng/ml riducendo la mortalità specifica per carcinoma prostatico. ( Xagena2021 )

D’Amico AV et al, J Clin Oncol 2021; 39: 2938-2947

Uro2021 Onco2021 Farma2021


Indietro