Tumore prostata
Tumore prostata
Xagena Mappa
Tumore Vescica

PSMA e FDG-PET come biomarcatori predittivi e prognostici nei pazienti trattati con 177Lu-PSMA-617 rispetto a Cabazitaxel per cancro prostatico metastatico resistente alla castrazione: studio TheraP


In precedenza, i risultati dello studio TheraP avevano mostrato che il trattamento con Lutezio-177 ( 177 Lu-PSMA-617; Lutathera ) era in grado di migliorare la frequenza del tasso di risposta dell'antigene prostatico specifico ( PSA ) e la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) rispetto a Cabazitaxel ( Jevtana ) negli uomini con tumore alla prostata metastatico resistente alla castrazione.

In questo studio, sono stati analizzati i parametri di imaging PET di Gallio-68 ( 68Ga-PSMA-11, PSMA-PET ) e 2-18fluoro-2-deossi-D-glucosio PET ( FDG-PET ) come biomarcatori predittivi e prognostici in questa popolazione di pazienti.

TheraP era uno studio multicentrico, in aperto, randomizzato di fase 2 che ha reclutato uomini con tumore alla prostata metastatico resistente alla castrazione dopo il trattamento con Docetaxel che erano idonei per Cabazitaxel da 11 ospedali in Australia.

I partecipanti dovevano avere almeno 18 anni; avere un'adeguata funzionalità ematologica, renale ed epatica; e un ECOG performance status di 0-2.

I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale stratificando i pazienti per carico di malattia, precedente trattamento con Enzalutamide o Abiraterone e sede dello studio.
Ai pazienti è stato somministrato Cabazitaxel ( 20 mg/m2 per via endovenosa ogni 3 settimane per un massimo di 10 cicli ) o 177Lu-PSMA-617 ( 6.0-8.5 GBq per via endovenosa ogni 6 settimane per un massimo di 6 cicli ).

L'endpoint primario dello studio, analizzato in precedenza, era il tasso di risposta del PSA.
L'endpoint terziario prespecificato dello studio era l'associazione tra i parametri quantitativi del tumore totale su PSMA-PET, FDG-PET e le caratteristiche basali con gli esiti clinici.

Una media SUV ( Standardized Uptake Value ) di 10 o superiore su PSMA-PET è stata valutata come biomarcatore predittivo per la risposta a 177 Lu-PSMA-617 rispetto a Cabazitaxel.
Un volume tumorale metabolico ( MTV ) di 200 ml o superiore su FDG-PET è stato testato come biomarcatore prognostico. Entrambi i cutoff erano prespecificati.
In tutto 200 pazienti sono stati assegnati in modo casuale tra febbraio 2018 e settembre 2019. 101 uomini sono stati assegnati al gruppo Cabazitaxel e 99 sono stati assegnati al gruppo 177Lu-PSMA-617.

Il follow-up mediano al cutoff dei dati del luglio 2020 è stato di 18.4 mesi. 35 dei 99 uomini ( 35% ) assegnati a 177Lu-PSMA-617 e 30 dei 101 uomini ( 30% ) assegnatoi a Cabazitaxel hanno presentato un elevato assorbimento di PSMA ( SUV medio maggiore o uguale a 10 ).

Le probabilità di risposta del PSA a 177Lu-PSMA-617 rispetto a Cabazitaxel sono state significativamente più alte per gli uomini con SUV medio di 10 o superiore rispetto a quelli con SUV medio inferiore a 10 ( odds ratio, OR 12.19 vs 2.22; P aggiustato=0.039 per l'interazione trattamento-SUV medio ).

Il tasso di risposta del PSA a 177Lu-PSMA-617 rispetto a Cabazitaxel è stato di 32 su 35 uomini ( 91% ) versus 14 su 30 uomini ( 47% ) in pazienti con SUV medio di 10 o superiore e 33 su 64 uomini ( 52% ) rispetto a 23 su 71 uomini ( 32% ) in quelli con SUV medio inferiore a 10.

Malattia ad alto volume con FDG-PET ( MTV maggiore o uguale a 200 ml ) è stata osservata in 30 dei 99 uomini ( 30% ) assegnati a 177Lu-PSMA-617 e in 30 dei 101 uomini ( 30% ) del gruppo Cabazitaxel.

Il tasso di risposta del PSA per entrambi i gruppi di trattamento combinati per FDG-PET MTV di 200 ml o superiore rispetto a FDG-PET MTV inferiore a 200 ml è stato 23 su 60 uomini ( 38% ) rispetto a 79 su 140 uomini ( 56% ) ( OR 0.44; P aggiustato=0.035 ).

Negli uomini con tumore prostatico metastatico resistente alla castrazione, PSMA-PET SUV medio è stato predittivo di una maggiore probabilità di risposta favorevole a 177Lu-PSMA-617 rispetto a Cabazitaxel, il che fornisce indicazioni per un uso ottimale di 177Lu-PSMA-617.

Un MTV elevato di FDG-PET è risultato associato a più basse risposte ndipendentemente dal trattamento assegnato in modo casuale, giustificando ulteriori ricerche per l'intensificazione del trattamento.

Un punto di forza di questa analisi è la convalida di valori limite pre-specificati all'interno di uno studio multicentrico, randomizzato e controllato.
I parametri PET quantitativi utilizzati, tuttavia, richiedono un software specializzato e non sono ancora disponibili di routine nella maggior parte delle cliniche. ( Xagena2022 )

Buteau JP et al, Lancet Oncology 2022; 23: 1389-1397

Uro2022 Onco2022 Med2022 Farma2022



Indietro