Tumore rene
Tumore prostata
Tumore Vescica
EAU17

Prostatectomia radicale, radioterapia a fasci esterni o radioterapia a fasci esterni con brachiterapia e progressione della malattia e mortalità nei pazienti con cancro alla prostata con punteggio di Gleason 9-10


Il trattamento ottimale per il cancro alla prostata con punteggio Gleason di 9-10 non è noto.
Sono stati confrontati gli esiti clinici dei pazienti con cancro alla prostata con punteggio di Gleason 9-10 dopo il trattamento definitivo.

È stato condotto uno studio di coorte retrospettivo in 12 Centri, 11 negli Stati Uniti, 1 in Norvegia, con 1.809 pazienti trattati tra il 2000 e il 2013 sottoposti a prostatectomia radicale ( RP ), radioterapia a fasci esterni ( EBRT ) con terapia di deprivazione androgenica, o radioterapia EBRT più boost con brachiterapia ( EBRT + BT ) con terapia di deprivazione androgenica.

L'esito primario era la mortalità specifica per cancro alla prostata. La sopravvivenza libera da metastasi e la sopravvivenza globale erano esiti secondari.

Su 1.809 uomini, 639 hanno subito prostatectomia radicale, 734 radioterapia EBRT e 436 radioterapia EBRT più brachiterapia.
Le età medie erano 61, 67.7 e 67.5 anni; il follow-up mediano era rispettivamente di 4.2, 5.1 e 6.3 anni.

A 10 anni, 91 pazienti con prostatectomia radicale, 186 radioterapia EBRT e 90 radioterapia EBRT più brachiterapia erano deceduti.

I tassi di mortalità specifica per cancro della prostata a 5 anni sono stati per prostatectomia radicale, 12%; radioterapia EBRT, 13%; radioterapia EBRT più brachiterapia, 3%.
La radioterapia associata a EBRT più brachiterapia è risultata associata a una mortalità specifica per cancro prostatico significativamente inferiore rispetto a prostatectomia radicale o radioterapia EBRT ( hazard ratio, HR causa specifica 0.38 e 0.41 ).

I tassi aggiustati di incidenza a 5 anni di metastasi a distanza sono stati per prostatectomia radicale, 24%; radioterapia EBRT, 24%; radioterapia EBRT più brachiterapia, 8%.
La radioterapia EBRT associata a brachiterapia è stata associata a un tasso significativamente più basso di metastasi distanti ( HR causa specifica aggiustato per punteggio di propensione 0.27 per prostatectomia radicale e 0.30 per radioterapia EBRT ).

I tassi di mortalità per qualsiasi causa aggiustati a 7.5 anni sono stati per prostatectomia radicale, 17%; radioterapia EBRT, 18%; radioterapia EBRT più brachiterapia, 10%.
Nei primi 7.5 anni di follow-up, la radioterapia EBRT più brachiterapia è stata associata a una mortalità per qualsiasi causa significativamente più bassa ( HR causa specifica 0.66 per prostatectomia radicale e 0.61 per radioterapia EBRT ).
Dopo i primi 7.5 anni, gli hazard ratio corrispondenti sono stati pari a 1.16 e 0.87.

Nessuna differenza significativa nella mortalità specifica per cancro della prostata, metastasi a distanza o mortalità per qualsiasi causa ( inferiore o uguale a 7.5 e superiore a 7.5 anni ) è stata trovata tra uomini trattati con radioterapia EBRT o prostatectomia radicale ( HR causa specifica 0.92, 0.90, 1.07 e 1.34 ).

In conclusione, tra i pazienti con cancro alla prostata con punteggio Gleason 9-10, il trattamento con radioterapia EBRT più brachiterapia con terapia di deprivazione androgenica è risultato associato a una mortalità specifica per cancro alla prostata significativamente migliore e a un tempo più lungo per le metastasi a distanza rispetto a radioterapia EBRT con terapia di deprivazione androgenica o con prostatectomia radicale. ( Xagena2018 )

Kishan AU et al, JAMA 2018; 319: 896-905

Uro2018 Onco2018 Farma2018


Indietro