Tumore prostata
Tumore rene
Tumore prostata
Tumore Vescica

Profilassi antibiotica continua a basse dosi per gli adulti con infezioni ripetute del tratto urinario: studio AnTIC


Le ripetute infezioni del tratto urinario ( UTI ) sintomatiche colpiscono il 25% delle persone che usano autocateterismo intermittente pulito ( CISC ) per svuotare la vescica.
Sono stati determinati i benefici, i danni e il rapporto costo-efficacia della profilassi antibiotica continua a basso dosaggio per la prevenzione delle infezioni del tratto urinario ricorrenti negli utilizzatori adulti di autocateterismo intermittente pulito.

Nello studio randomizzato, in aperto, di superiorità AnTIC sono stati arruolati partecipanti da 51 organizzazioni del Servizio sanitario nazionale del Regno Unito.
Questi partecipanti erano utilizzatori di autocateterismo intermittente pulito, residenti in comunità ( al contrario dei degenti ospedalieri ) con infezioni del tratto urinario ricorrenti.

Sono stati randomizzati i partecipanti a ricevere una profilassi antibiotica una volta al giorno ( gruppo di profilassi ) o nessuna profilassi ( gruppo di controllo ) per 12 mesi.

L’esito primario era l'incidenza di infezioni del tratto urinario sintomatiche, trattate con antibiotici per 12 mesi.

I partecipanti che hanno completato almeno 6 mesi di follow-up sono stati considerati in grado di fornire una stima affidabile dell'incidenza di infezioni del tratto urinario e sono stati inclusi nell'analisi dell’esito primario.
Il cambiamento nella resistenza antimicrobica dei batteri urinari e fecali è stato monitorato come esito secondario.

Tra il 2013 e il 2016 sono stati esaminati 1.743 utilizzatori adulti di autocateterismo intermittente pulito per l'idoneità, di cui 404 ( 23% ) partecipanti sono stati iscritti tra il 2013 e il 2016. Di questi 404 partecipanti, 203 ( 50% ) sono stati assegnati a ricevere la profilassi e 201 ( 50% ) a non ricevere alcuna profilassi.
1.339 partecipanti sono stati esclusi prima della randomizzazione.

L'analisi primaria comprendeva 181 adulti ( 89% ) assegnati al gruppo di profilassi e 180 adulti ( 90% ) nel gruppo senza profilassi ( controllo ).
22 partecipanti al gruppo di profilassi e 21 partecipanti al gruppo di controllo non sono stati inclusi nell'analisi primaria perché mancavano dati di follow-up prima di 6 mesi.

L'incidenza di infezioni del tratto urinario sintomatiche trattate con antibiotici nell'arco di 12 mesi è stata di 1.3 casi per anno-persona nel gruppo di profilassi e 2.6 nel gruppo di controllo, dando un indice di incidenza di 0.52 ( P minore di 0.0101 ), indicando una riduzione del 48% della frequenza di infezioni del tratto urinario dopo il trattamento di profilassi.

L'uso della profilassi è risultato ben tollerato: sono stati registrati 22 eventi avversi minori nel gruppo di profilassi correlati alla profilassi antibiotica durante lo studio, prevalentemente disturbi gastrointestinali ( 6 partecipanti ), rash cutanei ( 6 partecipanti ) e infezioni da candida ( 4 partecipanti ).

Tuttavia, la resistenza agli antibiotici utilizzati per il trattamento dell'infezione urinaria è risultata più frequente negli isolati urinari del gruppo di profilassi rispetto a quelli del gruppo di controllo a 9-12 mesi di partecipazione allo studio ( Nitrofurantoina 12 su 51 partecipanti, 24%, nel gruppo di profilassi vs 6 su 64 partecipanti, 9%, nel gruppo di controllo con almeno un isolato; P=0.038), Trimetoprim ( 34 su 51, 67%, vs 21 su 64, 33%; P=0.0003 ) e Co-Trimoxazolo ( 26 su 49, 53%, vs 15 su 62, 24%; P=0.002 ).

La profilassi antibiotica continua è efficace nel ridurre la frequenza di UTI negli utilizzatori di autocateterismo intermittente pulito con infezioni del tratto urinario ricorrenti, ed è ben tollerata in questi individui.
Tuttavia, l'aumento della resistenza dei batteri urinari è una preoccupazione che richiede sorveglianza se viene avviata la profilassi. ( Xagena2018 )

Fisher H et al, Lancet Infectious Diseases 2018; 18: 957-968

Inf2018 Uro2018 Farma2018



Indietro