Genitourinary Cancars Symposium
Tumore rene
Tumore prostata
EAU17

Prevalenza delle varianti della linea germinale nel tumore alla prostata e implicazioni per le attuali linee guida per i test genetici


Il tumore alla prostata è la terza causa di morte per neoplasia negli uomini negli Stati Uniti. Sebbene sia grave, la maggior parte di queste diagnosi non sono terminali.
Il rischio ereditario di tumore prostatico è associato a patologie aggressive ed esiti meno favorevoli, indicando la necessità fondamentale di un maggiore screening genetico per identificare le varianti causa di malattia e individuare i soggetti ad aumentato rischio di tumore prostatico metastatico resistente alla castrazione.

Sono state identificate varianti germinali positive ( patogene, probabilmente patogene e a rischio aumentato ) in una grande coorte di tumore della prostata ed è stata valutata l'utilità delle attuali linee guida di pratica nel riconoscere gli individui ad aumentato rischio di neoplasia alla prostata che trarrebbero beneficio da test genetici diagnostici.

È stato condotto uno studio trasversale dei dati di 3.607 uomini con una storia personale di tumore della prostata sottoposti a test genetici della linea germinale tra il 2013 e il 2018 non-selezionati per storia familiare, stadio della malattia o età alla diagnosi.
I test sono stati eseguiti presso un laboratorio di diagnosi certificato dal Clinical Laboratory Improvement Emendments / College of American Pathologists.
Tutte le analisi hanno avuto luogo tra il 2017 e il 2018.

Gli esiti principali erano la frequenza e la distribuzione delle varianti positive della linea germinale e la percentuale di soggetti con cancro alla prostata che hanno soddisfatto le linee guida NCCN ( National Comprehensive Cancer Network ) per i test genetici sulla linea germinale.

Su 3.607 uomini ( età media al test, 67 anni; età media alla diagnosi, 60 anni ) con diagnosi di carcinoma alla prostata sottoposti a test genetici, 620 ( 17.2% ) avevano varianti della linea germinale positive, di cui solo il 30.7% erano varianti di BRCA1/2.

Varianti positive di HOXB13, un gene associato solo al rischio di cancro alla prostata, sono state identificate in 30 pazienti ( 4.5% ).

Sono state rilevate varianti di riparazione del mismatch del DNA con sostanziali implicazioni terapeutiche note nell’1.74% delle varianti nella popolazione totale testata.

L'esame delle storie familiari autoriportate ha indicato che 229 individui ( 37% ) con varianti positive in questa coorte non sarebbero stati approvati per i test genetici utilizzando le lineeguida NCCN genetiche / mammarie e ovariche familiari per pazienti con tumore alla prostata.

Le attuali linee guida NCCN e i punteggi Gleason non possono stratificare in modo affidabile i pazienti con carcinoma prostatico per la presenza o l'assenza di varianti patogene della linea germinale.
I risultati più positivi dei test genetici identificati in questo studio hanno importanti implicazioni gestionali per i pazienti e le loro famiglie, il che sottolinea la necessità di rivedere le linee guida attuali. ( Xagena2019 )

Nicolosi P et al, JAMA Oncol 2019; 5: 523-528

Uro2019 Onco2019



Indietro