Tumore prostata
Tumore rene
Tumore Vescica
Tumore prostata

Pembrolizumab più Olaparib nei pazienti con carcinoma della prostata metastatico resistente alla castrazione: risultati a lungo termine dello studio di coorte A di fase 1b/2 KEYNOTE-365


Pembrolizumab ( Keytruda ) e Olaparib ( Lynparza ) hanno mostrato attività in monoterapia ( singolo agente ) nei pazienti con carcinoma prostatico metastatico resistente alla castrazione ( mCRPC ) precedentemente trattato.

Uno studio ha valutato l'efficacia e la sicurezza di Pembrolizumab più Olaparib nel tumore alla prostata metastatico resistente alla castrazione.

La coorte A dello studio di fase 1b/2 KEYNOTE-365 ha arruolato pazienti con carcinoma alla prostata metastatico resistente alla castrazione, non-selezionati molecolarmente, pretrattati con Docetaxel, la cui malattia era progredita entro 6 mesi dallo screening.

Il trattamento consisteva in: Pembrolizumab 200 mg per via endovenosa ogni 3 settimane più Olaparib capsula da 400 mg o compressa da 300 mg per via orale due volte al giorno.

Gli endpoint primari erano la sicurezza, il tasso di risposta confermato dell’antigene prostatico specifico ( PSA ) e il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) secondo i criteri RECIST, versione 1.1, mediante revisione centrale indipendente in cieco.
Gli endpoint secondari includevano: la sopravvivenza libera da progressione radiografica ( rPFS ) e la sopravvivenza globale ( OS ).

Dei 104 pazienti arruolati, 102 sono stati trattati. L’età media era di 70 anni ( intervallo interquartile [ IQR ], 65-76 ) e 59 pazienti ( 58% ) avevano una malattia misurabile secondo RECIST v1.1.
Il tempo mediano dalla prima dose al cutoff del database è stato di 24 mesi ( IQR, 22–47 ).

Il tasso di risposta confermata del PSA è stato del 15%. Il tasso di risposta obiettiva confermata è stato dell’8,5% ( 5 risposte parziali [ PR ] ) per i pazienti con malattia misurabile.

La sopravvivenza libera da progressione radiografica mediana è stata di 4,5 mesi ( intervallo di confidenza [ IC ] al 95%, 4,0-6,5 ), e la sopravvivenza mediana globale è stata di 14 mesi ( IC al 95%, 10,4-18,2 ).

L’attività clinica è stata coerente nei sottogruppi positivi al ligando PD-L1 e nei sottogruppi di mutazioni nel gene HRR ( riparazione per ricombinazione omologa ).

Eventi avversi correlati al trattamento ( TRAE ) si sono verificati in 93 pazienti ( 91% ).
Gli eventi TRAE di grado 3-5 si sono verificati in 49 pazienti ( 48% ).

Sei decessi ( 5,9% ) erano dovuti a eventi avversi; 2 ( infarto miocardico e causa sconosciuta ) sono stati attribuiti al trattamento.

Lo studio presenta il limite del disegno a braccio singolo.

In conclusione, Pembrolizumab più Olaparib ha presentato un profilo di sicurezza coerente con i profili dei singoli agenti, e ha dimostrato attività antitumorale nei pazienti con tumore alla prostata metastatico resistente alla castrazione, pretrattato con Docetaxel, molecolarmente non-selezionati. ( Xagena2023 )

Yu EY et al, Eur Urol 2023; 83:15-26

Uro2023 Onco2023 Farma2023



Indietro