Tumore prostata
Xagena Mappa
Tumore Vescica
Tumore Vescica

L'analisi finale dello studio TITAN ha confermato il vantaggio di sopravvivenza globale con la combinazione Apalutamide e terapia ADT rispetto alla sola terapia di deprivazione androgenica


L'analisi finale dello studio di fase 3 TITAN, dopo quasi 4 anni di follow-up, ha mostrato che l'aggiunta di Apalutamide ( Erleada ) alla terapia di deprivazione androgenica ( ADT ) ha prolungato la sopravvivenza globale ( OS ) rispetto alla sola terapia ADT nei pazienti con carcinoma prostatico metastatico sensibile alla castrazione ( mCSPC ).

Inoltre, è stato osservato un beneficio consistente di Apalutamide in altri endpoint, incluso il ritardo della resistenza alla castrazione.
La qualità di vita correlata alla salute ha continuato a essere mantenuta con un profilo di sicurezza accettabile.

Nello studio TITAN, 1052 pazienti con carcinoma alla prostata sensibile alla castrazione, metastatico, sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Apalutamide più terapia di deprivazione androgenica oppure solo terapia di deprivazione androgenica.
I pazienti erano idonei all'arruolamento indipendentemente dal volume della malattia e dal fatto che avessero ricevuto in precedenza Docetaxel o terapia di deprivazione androgenica o un precedente trattamento per la malattia localizzata.

Gli endpoint co-primari erano la sopravvivenza globale e la sopravvivenza libera da progressione radiografica ( rPFS ).

Dalla prima analisi ad interim, condotta a un follow-up mediano di 22.7 mesi, Apalutamide aveva prolungato in modo significativo la sopravvivenza globale ( hazard ratio, HR=0.67 ) e la sopravvivenza rPFS ( HR=0.48 ) rispetto al placebo.
Lo studio era in aperto; ai pazienti del gruppo placebo era permesso di passare al trattamento con Apalutamide.

Nell'analisi finale, è stata condotta un'analisi di sensibilità prepianificata per la sopravvivenza globale.
La durata mediana del trattamento è stata di 39.3 mesi per il gruppo Apalutamide più terapia di deprivazione androgenica, 20.2 mesi per il gruppo solo terapia di deprivazione androgenica e 15.4 mesi per il gruppo crossover.

Il 39.5% dei pazienti nel braccio placebo è passato al trattamento con Apalutamide. C'erano 525 pazienti nel braccio terapia di combinazione e 527 pazienti nel braccio solo terapia ADT.

La sopravvivenza globale è risultata significativamente prolungata con Apalutamide, con una mediana non-stimabile rispetto a 52.2 mesi con placebo dopo una mediana di 44 mesi di follow-up ( HR=0.65; P inferiore a 0.0001 ). Questo si è tradotto in una sopravvivenza globale a 48 mesi del 65% con Apalutamide contro 52% con placebo.

Quando l'analisi è stata aggiustata per il crossover, l'hazard ratio è ulteriormente migliorato a 0.52 ( P inferiore a 0.0001 ).

Inoltre, Apalutamide ha prolungato il tempo alla resistenza alla castrazione ( HR=0.34; P inferiore a 0.0001 ) e la seconda sopravvivenza libera da progressione ( HR=0.66; P inferiore a 0.0001 ).

In conclusione, con quasi 4 anni di follow-up, l'analisi finale di TITAN ha dimostrato che in un'ampia popolazione di pazienti con tumore alla prostata metastatico sensibile alla castrazione, Apalutamide più terapia di deprivazione androgenica ha prodotto un miglioramento della sopravvivenza globale con una riduzione del 35% del rischio di mortalità, che è aumentata al 48% dopo aggiustamento per i pazienti che sono passati dal placebo ad Apalutamide. ( Xagena2021 )

Fonte: American Society of Clinical Oncology Genitourinary ( ASCO GU ) Cancers Symposium, 2021

Uro2021 Onco2021 Farma2021



Indietro