GSK Infettivologia
Forum Infettivologico
Tumore prostata
Tumore rene

La terapia di combinazione con Tamsulosina e Tolterodina non migliora il disagio da stent ureterale rispetto a Tamsulosina da sola


Il disagio da stent ureterale è un problema postoperatorio significativo per molti pazienti.
Nonostante l'uso di narcotici e alfa-bloccanti i pazienti spesso presentano sintomi del tratto urinario inferiore fastidiosi e dolore, che compromettono le attività quotidiane.
È stata confrontata la terapia di combinazione di un alfa-bloccante e un anticolinergico alla monoterapia con una alfa-bloccante.

È stato condotto uno studio in doppio cieco, randomizzato e controllato nel periodo 2012-2014.
In totale sono stati randomizzati 80 pazienti, di cui 44 al gruppo di combinazione ( Tamsulosina [ Omnic ] 0.4 mg e Tolterodina a rilascio precoce [ Detrusitol ] 4 mg ) e 36 nel gruppo di monoterapia ( Tamsulosina 0.4 mg e placebo ).

I pazienti con preesistente posizionamento di stent ureterale o terapia anticolinergica in corso sono stati esclusi dallo studio.

I pazienti hanno completato il questionario USSQ ( Urinary Stent Symptom Questionnaire ) prima del posizionamento dello stent il giorno dell'intervento, il giorno dopo il posizionamento dello stent, la mattina di rimozione dello stent e il giorno dopo la rimozione dello stent.
Il questionario comprendeva domande riguardanti i sintomi urinari, la salute generale, il dolore del corpo, e la storia di lavoro e sessuale.

In totale sono stati studiati 80 pazienti ( 40 maschi e 40 femmine ). L'età media era 51.5 vs 51.3 anni ( P= 0.95 ) e l’indice di massa corporea era 33.6 vs 31.9 kg/m2 ( P=0.44 ) nel gruppo monoterapia 1 vs gruppo di terapia di combinazione 2.
Tra i 2 gruppi non vi era alcuna differenza significativa nei sintomi urinari, nel dolore del corpo e nelle attività della vita quotidiana dal basale a poco prima della rimozione dello stent ( P=0.95, 0.40 e 0.95, rispettivamente ).

Anche se non vi era alcuna differenza tra i gruppi, entrambi hanno mostrato un miglioramento dei sintomi urinari dal momento dell'inserimento iniziale dello stent fino ad appena prima della rimozione dello stent ( differenza -0.50 per la terapia di combinazione e -0.40 per la ionoterapia ).

Il tempo medio di permanenza dello stent di 9.6 e 8.7 giorni nei gruppi di combinazione e di monoterapia, rispettivamente, non è risultato diverso ( P=0.67 ).

In conclusione, la terapia di combinazione con Tamsulosina e Tolterodina non sembra migliorare i sintomi urinari, il dolore corporeo o la qualità di vita nei pazienti dopo il posizionamento di stent ureterale per nefrolitiasi rispetto a Tamsulosina da sola.
Entrambi i gruppi hanno avuto peggiori sintomi urinari, dolore e qualità di vita con lo stent, indicando che sono necessarie ulteriori ricerche per migliorare il disagio da stent. ( Xagena2016 )

Sivalingam S et al, J Urol 2016; 195: 385-390

Uro2016 Farma2016


Indietro