GSK Infettivologia
Tumore prostata
Forum Infettivologico
Tumore Vescica

Gemcitabina e Cisplatino a dose divisa più Pembrolizumab come terapia neoadiuvante prima della cistectomia radicale nei pazienti con tumore della vescica muscolo-invasivo


Sono state valutate la sicurezza e l'efficacia di Gemcitabina e Cisplatino in combinazione con l'inibitore del checkpoint immunitario Pembrolizumab ( Keytruda ) come terapia neoadiuvante prima della cistectomia radicale nel tumore della vescica muscolo-invasivo.

Sono stati arruolati pazienti con carcinoma della vescica muscolo-invasivo T2-4aN0/XM0 eleggibili per cistectomia radicale.
I primi 6 pazienti hanno ricevuto lead-in Pembrolizumab 200 mg una volta 2 settimane prima di Pembrolizumab 200 mg una volta al giorno 1, Cisplatino 70 mg/m2 una volta al giorno 1, e Gemcitabina 1.000 mg/m2 una volta nei giorni 1 e 8 ogni 21 giorni per quattro cicli.

Questo programma è stato sospeso per tossicità e i pazienti successivi hanno ricevuto Cisplatino 35 mg/m2 una volta nei giorni 1 e 8 senza Pembrolizumab iniziale.

L'endpoint primario era il downstaging patologico ( inferiore a pT2N0 ) con tassi di ipotesi nulle e alternative rispettivamente del 35% e del 55%.
Gli endpoint secondari erano la tossicità, inclusi gli esiti riportati dai pazienti, la risposta patologica completa ( pT0N0 ), la sopravvivenza libera da eventi e la sopravvivenza globale.

È stata esaminata l'associazione del downstaging patologico con la colorazione PD-L1.

Tra il 2016 e il 2020 sono stati arruolati 39 pazienti ( 72% cT2, 23% cT3 e 5% cT4a ). I pazienti hanno ricevuto una mediana di quattro cicli di terapia.
Tutti i pazienti sono stati sottoposti a cistectomia radicale tranne uno che ha rifiutato.
22 pazienti su 39 ( 56% ) hanno raggiunto uno stadio inferiore a pT2N0 e 14 su 39 ( 36% ) hanno raggiunto pT0N0.

Gli eventi avversi più comuni di qualsiasi grado sono stati trombocitopenia ( 74% ), anemia ( 69% ), neutropenia ( 67% ) e ipomagnesemia ( 67% ).
Un paziente aveva diabete mellito di tipo 1 di nuova insorgenza con chetoacidosi correlata a Pembrolizumab e nessun paziente ha richiesto steroidi per eventi avversi immuno-correlati.
I medici hanno costantemente sotto-riportato gli eventi avversi rispetto ai pazienti.

Gemcitabina neoadiuvante e Cisplatino più Pembrolizumab hanno raggiunto l'endpoint primario di un migliore downstaging patologico e sono risultati generalmente sicuri. ( Xagena2021 )

Rose TL et al, J Clin Oncol 2021; 39: 3140-3148

Uro2021 Onco2021 Farma2021


Indietro