Tumore prostata
Tumore Vescica
Tumore rene
Tumore prostata

Fattori di rischio di recidiva nel tumore del testicolo non-seminomatoso dopo la dissezione linfonodale retroperitoneale post-chemioterapia con tumore residuo vitale


Non esiste consenso sulla gestione degli uomini con tumore a cellule germinali non-seminomatoso e tumore a cellule germinali non-teratomatoso vitale nel campione di dissezione linfonodale retroperitoneale post-chemioterapia ( pcRPLND ) dopo chemioterapia di prima linea.

È stata analizzata la sorveglianza rispetto ai diversi regimi chemioterapici adiuvanti e l'influenza del tempo necessario alla dissezione linfonodale retroperitoneale post-chemioterapia sugli esiti oncologici.

I dati su 117 uomini trattati con chemioterapia di prima linea a base di Cisplatino tra il 1990 e il 2018 sono stati raccolti da 13 Centri.
Tutti i pazienti presentavano un tumore a cellule germinali non-teratomatoso vitale nel campione di dissezione linfonodale retroperitoneale post-chemioterapia.

L'intervento chirurgico è stato eseguito dopo una media di 57 giorni, seguito da sorveglianza ( n=64 ) oppure chemioterapia adiuvante ( n=53 ).

Gli endpoint primari erano la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ), la sopravvivenza specifica per il tumore ( CSS ) e la sopravvivenza globale ( OS ).

Dopo aver controllato il gruppo di rischio secondo la classificazione IGCCCG ( International Germ Cell Cancer Cooperative Group ) e la percentuale di cellule maligne vitali rilevate alla dissezione linfonodale retroperitoneale, non è stata osservata alcuna differenza tra gli uomini gestiti con sorveglianza o chemioterapia adiuvante per quanto riguarda la sopravvivenza libera da progressione ( hazard ratio, HR, 0.72; P=0.4 ), sopravvivenza specifica per il tumore ( HR, 0.69; P=0.6 ) e sopravvivenza globale ( HR, 0.78; P=0.7 ).

Non sono state osservate differenze statisticamente significative per la sopravvivenza libera da progressione, la sopravvivenza specifica per il tumore o la sopravvivenza globale sulla base del regime chemioterapico o negli uomini trattati con dissezione linfonodale retroperitoneale post-chemioterapia 57 giorni o meno versus più di 57 giorni dopo la chemioterapia di prima linea.
La malattia residua con meno del 10% rispetto al 10% o più di cellule tumorali vitali è stata associata a una sopravvivenza libera da progressione più lunga ( HR, 3.22; P=0.012 ).
La recidiva nel retroperitoneo è stata osservata in 34 uomini ( 29% ).

Gli uomini con una resezione completa alla dissezione linfonodale retroperitoneale post-chemioterapia e meno del 10% di cellule vitali hanno presentato esiti favorevoli senza ulteriore trattamento.

La resezione retroperitoneale completa sembra più importante della dissezione linfonodale retroperitoneale post-chemioterapia precoce. ( Xagena2023 )

Antonelli L et al, J Clin Oncol 2023; 41: 5296-5305

Uro2023 Onco2023



Indietro