Tumore prostata
Tumore prostata
Xagena Mappa
Tumore Vescica

Esiti 15 anni dopo monitoraggio, chirurgia o radioterapia per il tumore alla prostata


Tra il 1999 e il 2009 nel Regno Unito, 82.429 uomini di età compresa tra 50 e 69 anni hanno eseguito un test dell'antigene prostatico specifico ( PSA ).
Il tumore alla prostata localizzato è stato diagnosticato in 2.664 uomini. Di questi, 1.643 sono stati arruolati in uno studio per valutare l'efficacia dei trattamenti, con 545 assegnati in modo casuale a ricevere un monitoraggio attivo, 553 a sottoporsi a prostatectomia e 545 a sottoporsi a radioterapia.

A un follow-up mediano di 15 anni, sono stati confrontati i risultati in questa popolazione rispetto a morte per tumore alla prostata ( esito primario ) e morte per qualsiasi causa, metastasi, progressione della malattia e inizio di terapia di deprivazione androgenica a lungo termine ( esiti secondari ).

Il follow-up è stato completato per 1.610 pazienti ( 98% ). Un'analisi di stratificazione del rischio ha mostrato che più di un terzo degli uomini aveva una malattia a rischio intermedio o alto alla diagnosi.

La morte per tumore alla prostata si è verificata in 45 uomini ( 2.7% ): 17 ( 3.1% ) nel gruppo di monitoraggio attivo, 12 ( 2.2% ) nel gruppo di prostatectomia e 16 ( 2.9% ) nel gruppo di radioterapia ( P=0.53 per il confronto generale ).

La morte per qualsiasi causa si è verificata in 356 uomini ( 21.7% ), con numeri simili in tutti e 3 i gruppi.

Le metastasi si sono sviluppate in 51 uomini ( 9.4% ) nel gruppo di monitoraggio attivo, in 26 ( 4.7% ) nel gruppo prostatectomia e in 27 ( 5.0% ) nel gruppo radioterapia.

La terapia di deprivazione androgenica a lungo termine è stata iniziata in 69 ( 12.7% ), 40 ( 7.2% ) e 42 uomini ( 7.7% ), rispettivamente; la progressione clinica si è verificata rispettivamente in 141 ( 25.9% ), 58 ( 10.5% ) e 60 uomini ( 11.0% ).

Nel gruppo di monitoraggio attivo, 133 uomini ( 24.4% ) erano vivi senza alcun trattamento per il tumore alla prostata alla fine del follow-up.

Non sono stati osservati effetti differenziali sulla mortalità tumore-specifica in relazione al livello basale di PSA, stadio o grado del tumore o punteggio di stratificazione del rischio.
Nessuna complicazione del trattamento è stata segnalata dopo l'analisi a 10 anni.

Dopo 15 anni di follow-up, la mortalità specifica per tumore alla prostata è risultata bassa indipendentemente dal trattamento assegnato.
Pertanto, la scelta della terapia comporta la valutazione dei compromessi tra benefici e rischi associati ai trattamenti per il tumore prostatico localizzato. ( Xagena2023 )

Hamdy FC et al, N Engl J Med 2023; 388: 1547-1558

Uro2023 Onco2023



Indietro