Tumore prostata
Tumore rene
Tumore Vescica
Xagena Mappa

Enzalutamide continuo dopo progressione del tumore prostatico metastatico resistente alla castrazione trattato con Docetaxel: studio PRESIDE


Sebbene la terapia di privazione degli androgeni sia generalmente somministrata a lungo termine per gli uomini con tumore alla prostata metastatico, le terapie ormonali di seconda generazione vengono generalmente interrotte prima della successiva linea di trattamento.

È stata valutata l'efficacia della continuazione di Enzalutamide ( Xtandi ) dopo la progressione nel controllo del cancro prostatico metastatico resistente alla castrazione ( mCRPC ) trattato con Docetaxel e Prednisolone.

PRESIDE è uno studio di fase 3b, multinazionale, in doppio cieco, randomizzato, controllato con placebo, a due periodi, condotto in 123 siti in Europa ( Austria, Belgio, Repubblica Ceca, Francia, Germania, Grecia, Italia, Paesi Bassi, Norvegia, Polonia, Russia, Spagna, Svezia, Svizzera, Turchia e Regno Unito ).

I pazienti erano eleggibili per il periodo 1 ( P1 ) dello studio se avevano un adenocarcinoma prostatico confermato istologicamente senza differenziazione neuroendocrina o caratteristiche a piccole cellule, concentrazioni sieriche di testosterone di 1.73 nmol/l o inferiori e avevano progredito durante la terapia di deprivazione androgenica con un agonista o antagonista dell'ormone di rilascio dell'ormone luteinizzante o dopo orchiectomia bilaterale.

Nello studio P1, i pazienti hanno ricevuto per via orale 160 mg al giorno di Enzalutamide in aperto.

Alla settimana 13, i pazienti sono stati valutati per la progressione radiografica o dell'antigene prostatico specifico ( PSA ) ( aumento del 25% o superiore e 2 ng/ml o più al di sopra del nadir ).

I pazienti che hanno mostrato un calo del PSA alla settimana 13 e successivamente sono progrediti ( progressione radiografica, progressione del PSA o entrambi ) sono stati sottoposti a screening e arruolati nel periodo 2 ( P2 ), durante il quale i pazienti idonei sono stati trattati con un massimo di dieci cicli di Docetaxel per via endovenosa 75 mg/m2 ogni 3 settimane e Prednisolone orale 10 mg/die e assegnati in modo casuale a Enzalutamide 160 mg/die orale o placebo orale.

I pazienti sono stati stratificati per tipo di progressione della malattia. I pazienti, i ricercatori e gli organizzatori dello studio erano all'oscuro dell'assegnazione del trattamento.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione analizzata in tutti i pazienti in P2.

Tra il 2014 e il 2016, 816 pazienti sono stati sottoposti a screening per P1 dello studio. 688 pazienti sono stati arruolati nello studio P1 e 687 hanno ricevuto Enzalutamide in aperto.

Nello studio P2, 271 pazienti sono stati assegnati in modo casuale in 73 siti a ricevere Enzalutamide ( n=136 ) oppure placebo ( n=135 ).
Il cutoff dei dati per l'analisi è stato nel 2020.

La sopravvivenza libera da progressione mediana con Enzalutamide è stata di 9.5 mesi rispetto a 8.3 mesi con placebo ( hazard ratio, HR=0.72; P=0.027 ).

Gli eventi avversi di grado 3 più comuni insorti durante il trattamento sono stati: neutropenia ( 17 su 136 pazienti, 13%, nel gruppo Enzalutamide vs 12 su 135 pazienti, 9%, nel gruppo placebo ) e astenia ( 10, 7%, vs 6, 4% ).

L'evento avverso più comune di grado 4 emergente dal trattamento nella P2 è stata la neutropenia ( 23 su 136 pazienti, 17%, nel gruppo Enzalutamide vs 28 su 135 pazienti, 21%, nel gruppo placebo ).

Eventi avversi gravi insorti durante il trattamento sono stati riportati in 67 dei 136 pazienti ( 49% ) nel gruppo Enzalutamide e in 52 dei 135 pazienti ( 39% ) nel gruppo placebo.

2 decessi su 13 ( 15% ) nel gruppo Enzalutamide ( causati da shock settico ed ematuria ) e 1 decesso su 7 ( 14% ) nel gruppo placebo ( causato da danno renale effettivo ) sono stati associati a Docetaxel.

PRESIDE ha raggiunto il suo endpoint primario e ha dimostrato che la continuazione di Enzalutamide con Docetaxel più terapia di deprivazione androgena ha ritardato il tempo alla progressione rispetto alla sola terapia con Docetaxel più terapia di deprivazione androgenica, supportando l'ipotesi che il mantenimento con Enzalutamide potrebbe controllare i cloni persistenti androgeno-dipendenti negli uomini con tumore alla prostata resistente alla castrazione, metastatico, che progrediscono dopo il trattamento con la sola Enzalutamide. ( Xagena2022 )

Merseburger AS et al, Lancet Oncology 2022; 23: 1398-1408

Uro2022 Onco2022 Farma2022



Indietro