Tumore prostata
Tumore Vescica
Tumore Vescica
Xagena Mappa

Effetto della radioterapia standard versus escalation della dose per i pazienti con cancro prostatico a rischio intermedio: studio NRG Oncology RTOG 0126


L'ottimizzazione delle tecniche di radioterapia per il cancro prostatico localizzato può influire sugli esiti del paziente.
L'escalation ( l'aumento graduale ) della dose migliora il controllo biochimico, ma non sono stati effettuati studi in precedenza per rilevare le differenze di sopravvivenza generale ( OS ).

Si è determinato se l'aumento della dose di radiazioni a 79.2 Gy rispetto a 70.2 Gy migliori la sopravvivenza generale e altri esiti nel cancro alla prostata.

Lo studio clinico randomizzato NRG Oncology / RTOG 0126 ha randomizzato 1.532 pazienti da 104 centri del North American Radiation Therapy Oncology Group dal 2002 al 2008.

Uomini con stadio da cT1b a T2b, punteggio di Gleason da 2 a 6 e livello di antigene prostatico specifico ( PSA ) di 10 o maggiore e minore di 20 oppure punteggio di Gleason di 7 e PSA inferiore a 15 hanno ricevuto radioterapia conformazionale tridimensionale o radioterapia ad intensità modulata a 79.2 Gy in 44 frazioni o 70.2 Gy in 39 frazioni.

L’esito principale era il tempo alla sopravvivenza generale misurato dalla randomizzazione alla morte causata da qualsiasi causa.
Sono state utilizzate le definizioni American Society for Therapeutic Radiology and Oncology ( ASTRO ) / Phoenix per il fallimento biochimico.
Gli effetti tossici acuti ( 90 giorni o meno dall'inizio del trattamento ) e tardivi della radioterapia ( più di 90 giorni ) sono stati valutati utilizzando i National Cancer Institute Common Toxicity Criteria, versione 2.0, e il RTOG / European Organisation for the Research and Treatment of Cancer Late Radiation Morbidity Scoring Scheme, rispettivamente.

Con un follow-up mediano di 8.4 anni in 1.499 pazienti ( età mediana 71 anni, 70% avevano PSA inferiore a 10 ng/ml, 84% punteggio di Gleason di 7, 57% malattia T1 ), non vi è stata alcuna differenza nella sopravvivenza generale tra i 751 uomini nel braccio 79.2 Gy e i 748 uomini nel braccio 70.2 Gy.

I tassi di sopravvivenza generale a 8 anni sono stati del 76% con 79.2 Gy e 75% con 70.2 Gy ( hazard ratio HR, 1.00, P=0.98 ).

I tassi cumulativi a 8 anni di metastasi a distanza sono stati del 4% per il braccio 79.2 Gy e del 6% per il braccio 70.2 Gy ( HR, 0.65, P=0.05 ).

I tassi di fallimento biochimico ASTRO e Phoenix a 5 e 8 anni sono stati del 31% e del 20% con 79.2 Gy e 47% e 35% con 70.2 Gy, rispettivamente ( entrambi P minore di 0.001; ASTRO: HR, 0.59; Phoenix: HR, 0.54 ).

Il braccio ad alte dosi ha avuto un tasso inferiore di utilizzo della terapia di salvataggio.

Le percentuali a 5 anni di effetti tossici gastrointestinali e/o genitourinari tardivi di grado 2 o superiore sono state 21% e 12% con 79.2 Gy e 15% e 7% con 70.2 Gy ( P=0.006; HR, 1.39, e P=0.003; HR, 1.59, rispettivamente ).

In conclusione, nonostante miglioramenti nel fallimento biochimico e nelle metastasi a distanza, l'aumento della dose non ha migliorato la sopravvivenza.
Le alte dosi hanno causato effetti tossici più tardivi ma tassi di terapia di salvataggio inferiori. ( Xagena2018 )

Michalski JM et al, JAMA Oncol 2018; 4(6):e180039. doi: 10.1001/jamaoncol.2018.0039

Uro2018 Onco2018 Med2018



Indietro