Tumore prostata
Tumore prostata
Tumore rene
Tumore Vescica

Dissezione linfonodale di salvataggio per la recidiva linfonodale di cancro alla prostata dopo prostatectomia radicale


È stato analizzato l'impatto della dissezione linfonodale di salvataggio sulla prognosi nei pazienti con recidiva biochimica e i linfonodi positivi sulla tomografia ad emissione di positroni / tomografia computerizzata dopo prostatectomia radicale.

Sono stati analizzati retrospettivamente i dati di 58 pazienti che sono stati sottoposti a dissezione linfonodale pelvica e/o retroperitoneale di salvataggio dal 2005 al 2012.

La risposta biochimica è stata definita come antigene prostatico specifico ( PSA ) inferiore a 0.2 ng/ml a 40 giorni dal trattamento di salvataggio.
La recidiva biochimica nei soggetti con una risposta biochimica è stata definita come antigene prostatico specifico superiore a 0.2 ng/ml in aumento.

Il follow-up mediano dopo dissezione linfonodale di salvataggio è stato di 39 mesi.

In totale 13 pazienti ( 22.4% ) hanno raggiunto una risposta biochimica. Solo 1 paziente è rimasto privo di recidiva biochimica durante il follow-up.

La recidiva clinica si è sviluppata in 25 pazienti ( 48.1% ) dopo il trattamento di salvataggio.

6 pazienti ( 10.3% ) sono morti per la malattia, di cui 4 con risultati extralinfatici indeterminati sulla tomografia ad emissione di positroni / tomografia computerizzata prima della terapia di salvataggio.

Il tasso di sopravvivenza cancro-specifica a 5 anni è stato del 71.1%.

I pazienti con risposta biochimica completa hanno mostrato una tendenza verso un tempo più lungo alla recidiva clinica ( P=0.20 ).

La risposta biochimica non ha influenzato la sopravvivenza specifica al cancro.

In conclusione, la dissezione linfonodale di salvataggio nei pazienti con recidiva biochimica e linfonodi positivi alla tomografia ad emissione di positroni / tomografia computerizzata ha portato a una risposta biochimica in una certa proporzione di pazienti.
La maggior parte dei pazienti ha progredito a recidiva biochimica dopo il trattamento di salvataggio, ma quasi la metà non ha mostrato alcuna ulteriore recidiva clinica.
La mortalità specifica per il cancro si è verificata prevalentemente nei pazienti con precedente sospetto di lesioni extralinfatiche.
La dissezione linfonodale di salvataggio può ritardare la terapia di deprivazione androgenica e le recidive cliniche in pazienti selezionati. ( Xagena2015 )

Tilki D et al, J Urology 2015; 193: 484-490

Onco2015 Uro2015 Chiru2015



Indietro