Tumore prostata
Tumore Vescica
Xagena Mappa
Tumore prostata

Darolutamide in aggiunta alla terapia androgeno-soppressiva per il carcinoma alla prostata non-metastatico resistente alla castrazione: sopravvivenza globale nello studio di fase III ARAMIS


Darolutamide ( Nubeqa ) è un inibitore del recettore degli androgeni strutturalmente distinto con un profilo di sicurezza favorevole, approvato per il trattamento di uomini con carcinoma prostatico non-metastatico resistente alla castrazione ( nmCRPC ) che ha dimostrato una sopravvivenza libera da metastasi significativamente prolungata, rispetto al placebo, nello studio di fase III ARAMIS: mediana 40.4 vs 18.4 mesi, rispettivamente ( hazard ratio, HR = 0.41; IC 95% 0.34-0.50; P inferiore a 0.0001 ).

Sono state riportate le analisi finali della sopravvivenza globale ( OS ) e raccolti gli endpoint secondari prospetticamente rilevanti per il paziente e i risultati di sicurezza aggiornati.

1509 pazienti con cancro alla prostata resistente alla castrazione, non-metastatico, sono stati randomizzati in un rapporto 2:1 a Darolutamide 600 mg due volte al giorno ( n = 955 ) oppure placebo ( n = 554 ) mentre continuavano la terapia di deprovazione androgenetica ( ADT ).
Gli endpoint secondari includevano la sopravvivenza globale e i tempi di progressione del dolore, la prima chemioterapia citotossica e il primo evento scheletrico sintomatico.
L'analisi di sopravvivenza globale era prevista dopo circa 240 decessi.

L'analisi finale è stata condotta dopo che sono stati osservati 254 decessi ( 15.5% di Darolutamide e 19.1% dei pazienti con placebo ).
Dopo aver tolto il cieco all'analisi primaria, 170 pazienti sono passati dal placebo a Darolutamide.
Darolutamide ha mostrato un beneficio statisticamente significativo di sopravvivenza globale corrispondente a una riduzione del 31% del rischio di morte rispetto al placebo.
Tutti gli altri endpoint secondari sono risultati significativamente prolungati dalla Darolutamide, indipendentemente dall'effetto del crossover e dalle successive terapie sul beneficio di sopravvivenza.

Le incidenze di eventi avversi emergenti dal trattamento con frequenza maggiore o uguale al 5% erano generalmente comparabili tra Darolutamide e placebo, simili al profilo di sicurezza osservato nell'analisi primaria.
L'incidenza di effetti avversi di interesse ( tra cui, cadute, effetti sul sistema nervoso centrale e ipertensione ) non è risultata aumentata con la Darolutamide rispetto al placebo quando aggiustato per l'esposizione al trattamento.
Gli effetti avversi nel gruppo crossover erano coerenti con quelli del braccio di trattamento con Darolutamide.

In conclusione, Darolutamide ha mostrato un beneficio statisticamente significativo per la sopravvivenza globale con tumore alla prostata resistente alla castrazione non-metastatico.
Inoltre, Darolutamide ha ritardato l'insorgenza dei sintomi correlati al cancro e la successiva chemioterapia, rispetto al placebo.
Con un follow-up esteso, la sicurezza e la tollerabilità sono risultate favorevoli e coerenti con l'analisi ARAMIS primaria ( Fizazi et al, N Engl J Med 2019 ). ( Xagena )

Fonte: American Society of Clinical Oncology ( ASCO ) Virtual Meeting, 2020

Uro2020 Onco2020 Farma2020



Indietro