Tumore prostata
Xagena Mappa
Tumore Vescica
Tumore Vescica

Cancro alla prostata localizzato: esiti riferiti dai pazienti in 5 anni riguardo a sorveglianza attiva, chirurgia, brachiterapia o radiazioni a fasci esterni con o senza terapia di deprivazione androgenica


Comprendere gli effetti negativi degli approcci terapeutici contemporanei per gli uomini con tumore della prostata localizzato a rischio favorevole e a rischio sfavorevole potrebbe fornire elementi per la selezione del trattamento.

Sono stati confrontati gli esiti funzionali associati ai trattamenti per il tumore alla prostata in 5 anni dopo il trattamento.

È stato condotto uno studio di coorte prospettico basato sulla popolazione su 1.386 uomini con cancro alla prostata a rischio favorevole ( stadio clinico da cT1 a cT2bN0M0, antigene prostatico specifico [ PSA ] inferiore o uguale a 20 ng/ml e Grade Group 1-2 ) e 619 uomini con tumore alla prostata a rischio sfavorevole ( stadio clinico cT2cN0M0, PSA di 20-50 ng/ml o Grade Group 3-5 ) diagnosticato nel 2011 fino al 2012, arruolati da 5 siti del Surveillance, Epidemiology and End Results Program e un registro dei tumori alla prostata negli Stati Uniti.

I pazienti sono stati sottoposti a trattamento con sorveglianza attiva ( n=363 ), prostatectomia con risparmio dei nervi ( n=675 ), radioterapia a fasci esterni ( EBRT; n=261 ) o brachiterapia a basso dosaggio ( n=87 ) per gli uomini con malattia a rischio favorevole e trattamento con prostatectomia ( n=402 ) o radioterapia EBRT con terapia di deprivazione androgenica ( n=217 ) per gli uomini con malattia a rischio sfavorevole.

L’esito principale era la funzione riportata dal paziente, sulla base della scala EPIC ( Expanded Prostate Index Composite ) a 26 voci ( intervallo, 0-100 ), 5 anni dopo il trattamento.

La differenza minima clinicamente importante era da 10 a 12 per la funzione sessuale, da 6 a 9 per l'incontinenza urinaria, da 5 a 7 per i sintomi irritativi urinari e da 4 a 6 per la funzione intestinale e ormonale.

In totale 2.005 uomini hanno soddisfatto i criteri di inclusione e hanno completato il sondaggio di base e almeno un sondaggio post-basale ( età mediana 64 anni; 1.529 partecipanti su 1.993, 77%, erano bianchi non-ispanici ).

Per gli uomini con tumore alla prostata a rischio favorevole, la prostatectomia con risparmio di nervi è stata associata a una peggiore incontinenza urinaria a 5 anni ( differenza media aggiustata, −10.9 ) e funzione sessuale a 3 anni ( differenza media aggiustata, −15.2 ) rispetto alla sorveglianza attiva.
La brachiterapia a basso dosaggio è stata associata a un peggioramento dell'irritazione urinaria ( differenza media aggiustata, −7.0 ), funzione sessuale ( differenza media aggiustata, −10.1 ) e intestinale ( differenza media aggiustata, −5.0 ) a 1 anno rispetto alla sorveglianza attiva.
La radioterapia a fasci esterni è risultata associata a cambiamenti della funzione urinaria, sessuale e intestinale non-differenti dal punto di vista clinico dalla sorveglianza attiva in qualsiasi momento in 5 anni.

Per gli uomini con malattia a rischio sfavorevole, la radioterapia a fasci esterni associata a terapia La terapia di deprivazione androgenica è stata associata a una inferiore funzione ormonale a 6 mesi ( differenza media aggiustata, -5.3 ) e funzione intestinale a 1 anno ( differenza media aggiustata, −4.1 ), ma a una migliore funzione sessuale a 5 anni ( differenza media aggiustata, 12.5 ) e incontinenza in ogni momento temporale in 5 anni ( differenza media aggiustata, 23.2 ) rispetto alla prostatectomia.

In questa coorte di uomini con tumore prostatico localizzato, la maggior parte delle differenze funzionali associate alle opzioni di gestione contemporanee si sono attenuate a 5 anni.
Tuttavia, gli uomini sottoposti a prostatectomia hanno riportato un'incontinenza peggiore clinicamente significativa a 5 anni rispetto a tutte le altre opzioni, e gli uomini sottoposti a prostatectomia per malattia a rischio sfavorevole hanno riportato una peggiore funzione sessuale a 5 anni rispetto agli uomini sottoposti a radioterapia a fasci esterni con terapia di deprivazione androgenica. ( Xagena2020 )

Hoffman KE et al, JAMA 2020; 323: 149-163

Uro2020 Onco2020 Chiru2020



Indietro