Tumore Vescica
Genitourinary Cancars Symposium
Tumore prostata
Tumore Vescica

Cabazitaxel più Carboplatino per il trattamento di uomini con tumore prostatico metastatico resistente alla castrazione


Combinazioni taxano-Platino hanno mostrato una attività promettente nei tumori prostatici metastatici resistenti alla castrazione in studi clinici a gruppo singolo ma non in studi randomizzati.
Distinti sottogruppi biologici della malattia potrebbero trarre il massimo beneficio dall'aggiunta di Platino.

Si è determinato se l'aggiunta di Carboplatino a Cabazitaxel ( Jevtana ) migliori gli esiti degli uomini con tumore alla prostata metastatico resistente alla castrazione.

È stato condotto uno studio randomizzato di fase 1-2, in aperto, presso due centri in uomini con carcinoma alla prostata resistente alla castrazione, progressivo e metastatico.

Nella fase 1, i pazienti hanno ricevuto Cabazitaxel per via endovenosa 20-25 mg/m2 e Carboplatino per via endovenosa area sotto la curva ( AUC ) 3-4 mg/ml al minuto ogni 21 giorni.
La dose massima tollerata è stata definita come la coorte con la dose più alta studiata in cui uno su sei pazienti o meno ha avuto una tossicità dose-limitante.
Nella fase 2, i pazienti sono stati assegnati in modo casuale a Cabazitaxel per via endovenosa 25 mg/m2 con o senza Carboplatino per via endovenosa AUC 4 mg/ml al minuto.
Tutti i pazienti hanno ricevuto supporto del fattore di crescita e Prednisone orale 10 mg al giorno.

Gli endpoint primari erano la dose massima tollerata della combinazione nella fase 1 e la sopravvivenza libera da progressione nella fase 2.

Tra il 2012 e 2015, 9 pazienti hanno completato la fase 1 come previsto e 160 sono stati assegnati in modo casuale a Cabazitaxel ( n=79 ) o Cabazitaxel più Carboplatino ( n=81 ) nella fase 2.

Durante la fase I, gli eventi avversi di grado 3 sono stati anemia ( n=2 ), affaticamento ( n=1 ), trombocitopenia ( n=1 ), ipomagnesiemia ( n=1 ), diarrea ( n=1 ), ipopotassiemia ( n=1 ), anoressia ( n=1 ) e disidratazione ( n=1 ) e non si sono verificati eventi avversi di grado 4.
Non sono state osservate tossicità dose-limitanti, quindi una dose massima tollerata di Cabazitaxel di 25 mg/m2 e Carboplatino AUC 4 mg/ml al minuto è stata selezionata per la fase 2.
A un follow-up mediano di 31.0 mesi, la combinazione ha migliorato la sopravvivenza libera da progressione mediana da 4.5 mesi a 7.3 mesi ( hazard ratio, HR 0.69, P=0.018 ).

Nello studio di fase 2, gli eventi avversi di grado 3-5 più comuni sono stati affaticamento ( 7 su 79, 9%, nel gruppo Cabazitaxel vs 16 su 81, 20%, nel gruppo di combinazione ), anemia ( 3, 4%, vs 19, 23% ), neutropenia ( 3, 4%, vs 13, 16% ) e trombocitopenia ( 1, 1%, vs 11, 14% ).
Non ci sono stati decessi correlati al trattamento.

Carboplatino aggiunto a Cabazitaxel ha mostrato una migliore efficacia clinica rispetto al solo Cabazitaxel per gli uomini con cancro alla prostata metastatico resistente alla castrazione.
Sebbene gli eventi avversi fossero più comuni con l'associazione, il trattamento è risultato sicuro e generalmente ben tollerato.
I dati hanno indicato che le combinazioni taxano-Platino hanno un ruolo clinicamente benefico nel tumore prostatico avanzato; è stato pianificato uno studio randomizzato di fase 3. ( Xagena2019 )

Corn PG et al, Lancet Oncology 2019; 20: 1432-1443

Onco2019 Uro2019 Farma2019


Indietro