Controversies in Genitourinary Tumors 2018
Tumore prostata
Genitourinary Cancars Symposium
Tumore prostata

Associazione tra sottotipizzazione luminale e basale del cancro alla prostata e prognosi e risposta alla terapia di deprivazione androgenica


Esiste un chiaro bisogno di un approccio di sottotipizzazione molecolare nel cancro alla prostata per identificare sottogruppi clinicamente distinti che beneficiano di terapie specifiche. Sono stati identificati i sottotipi luminale e basale di tumore della prostata e sono state determinate le associazioni con esiti clinici e risposta al trattamento.

È stato utilizzato il classificatore PAM50 per sottotipizzare 1.567 campioni retrospettivamente raccolti ( follow-up mediano, 10 anni ) e 2.215 raccolti in modo prospettico in sottotipi di tipo luminale e basale.

Metastasi, recidiva biochimica, sopravvivenza globale, sopravvivenza specifica al cancro alla prostata, associazioni con percorsi biologici e variabili clinicopatologiche sono stati i principali esiti.

Tra i 3.782 campioni, il classificatore PAM50 ha suddiviso il cancro alla prostata in 3 sottotipi in entrambe le coorti retrospettiva e prospettica: luminale A ( retrospettiva, 538, 34.3%; prospettica, 737, 33.3% ), luminale B ( retrospettiva, 447, 28.5%; prospettica, 723, 32.6% ) e basale ( retrospettiva, 582, 37.1%; prospettica, 755, 34.1% ).

Noti marcatori di linea luminale noti, come NKX3.1 e KRT18, sono stati arricchiti nei tumori simil-luminali e la firma della linea basale CD49f è stata arricchita nei tumori simil-basale, dimostrando la connessione tra questi sottotipi e la biologia del cancro alla prostata.

Nella coorte retrospettiva, i tumori della prostata luminali B hanno mostrato le prognosi cliniche più sfavorevoli alle analisi univariate e multivariate tenendo conto di fattori prognostici clinicopatologici standard ( sopravvivenza senza recidiva biochimica a 10 anni [ bRFS ], 29%; sopravvivenza libera da metastasi a distanza [ DMFS ], 53%; sopravvivenza specifica al cancro alla prostata [ PCSS ], 78%; sopravvivenza globale [ OS ], 69% ), seguiti dai tumori basali della prostata ( bRFS a 10 anni, 39%; DMFS, 73%; PCSS, 86%; OS, 80% ) e dai tumori della prostata luminali A ( bRFS a 10 anni, 41%; DMFS, 73%; PCSS, 89%; OS, 82% ).

Sebbene entrambi i sottotipi di tipo luminale fossero associati con l'aumento dell'espressione e della segnalazione del recettore degli androgeni, solo i tumori della prostata luminali B sono risultati significativamente associati alla risposta postoperatoria alla terapia di deprivazione androgenica ( ADT ) in un'analisi di sottogruppi nelle coorti retrospettive ( n=315 ) abbinando i pazienti in base alle variabili clinicopatologiche ( metastasi luminali B a 10 anni: trattate, 33% vs non-trattate, 55%; metastasi non-luminali B a 10 anni: trattate, 37% vs non-trattate, 21%; P=0.006 per interazione ).

In conclusione, i tumori della prostata di tipo luminale e basale hanno dimostrato un comportamento clinico divergente e i pazienti con tumori luminali B rispondono meglio alla terapia di deprivazione androgenica postoperatoria rispetto ai pazienti con tumori non-luminali B.
Questi risultati contribuiscono a fornire nuove informazioni sulla biologia del tumore alla prostata, fornendo un potenziale strumento clinico per personalizzare il trattamento della terapia di deprivazione androgenica per il cancro alla prostata prevedendo quali uomini possano trarre beneficio dalla terapia di deprivazione androgenica dopo l'intervento chirurgico. ( Xagena2017 )

Zhao SG et al, JAMA Oncol 2017; 3: 1663-1672

Uro2017 Onco2017 Farma2017


Indietro