Forum Infettivologico
GSK Infettivologia
Tumore prostata
EAU17

Associazione di sottotipi molecolari con esito differenziale al trattamento con Apalutamide nel tumore alla prostata resistente alla castrazione non-metastatico


È necessario identificare i biomarcatori prognostici per guidare l'intensificazione del trattamento nei pazienti con tumore prostatico resistente alla castrazione non-metastatico ( nmCRPC ).

Si è determinato se i sottotipi molecolari predicono la risposta ad Apalutamide ( Erleada ), utilizzando campioni di tumori primari archiviati dallo studio di fase 3, randomizzato, in doppio cieco, SPARTAN.

In questo studio di coorte, i dati sull'espressione genica di 233 campioni archiviati di pazienti con tumore nmCRPC arruolati nello studio SPARTAN sono stati generati utilizzando un microarray di esoni umani.

I pazienti sono stati randomizzati ad Apalutamide 240 mg/die, con terapia di deprivazione androgenica ( Apalutamide + ADT ) oppure placebo + terapia ADT.

I pazienti sono stati stratificati in categorie ad alto e basso rischio per lo sviluppo di metastasi in base ai punteggi del classificatore genomico ( GC ) in alto ( GC maggiore di 0.6 ) e da basso a medio ( GC inferiore o uguale a 0.6 ) e in sottotipi basale e luminale; le associazioni tra questi sottotipi molecolari e la sopravvivenza libera da metastasi ( MFS ), la sopravvivenza globale ( OS ) e la sopravvivenza libera da progressione 2 ( PFS2 ) sono state valutate utilizzando la regressione dei rischi proporzionali di Cox e l'analisi di Kaplan-Meier.

L'età media dei 233 pazienti inclusi era di 73 anni. In totale 116 su 233 pazienti ( 50% ) nel sottoinsieme dei biomarcatori SPARTAN avevano punteggi GC elevati.
Sebbene tutti i pazienti trattati con Apalutamide + terapia ADT abbiano presentato esiti migliori, avere punteggi GC elevati è risultato associato a maggiore miglioramento della sopravvivenza libera da metastasi ( hazard ratio, HR, 0.21; P minore di 0.001 ), sopravvivenza globale ( HR, 0.52; P=0.03 ) e sopravvivenza PFS2 ( HR, 0.39; P=0.001 ) versus placebo + terapia ADT.
In totale, 152 su 233 pazienti ( 65% ) avevano il sottotipo molecolare basale.

Sebbene non ci siano state differenze significative nelel sopravvivenze MFS, PFS2 o OS tra i pazienti con il sottotipo luminale versus basale nel braccio placebo + terapia ADT, i pazienti con il sottotipo luminale nel braccio Apalutamide + terapia ADT hanno presentato una sopravvivenza libera da metastasi significativamente più lunga ( Apalutamide + terapia ADT: HR, 0.40; P=0.03; placebo + terapia ADT: HR, 0.66; P=0.23 ) rispetto ai pazienti con sottotipo basale; tendenze simili sono state osservate per la sopravvivenza globale ( Apalutamide + terapia ADT: HR, 0.50; P=0.04; placebo + terapia ADT: HR, 0.78; P=0.50 ) e sopravvivenza PFS2 ( Apalutamide + terapia ADT: HR, 0.71; P=0.22; placebo + terapia ADT: HR, 0.72; P=0.33 ).

Nell'analisi di regressione, il punteggio del sottotipo luminale-basale è risultato significativamente associato alla sopravvivenza libera da metastasi nei pazienti trattati con Apalutamide + terapia ADT ( HR, 2.65; P=0.02 ), mentre il punteggio GC era significativamente associato a sopravvivenza senza metastasi nei destinatari di placebo + terapia ADT ( HR, 2.09; P=0.04 ).

I risultati di questo studio hanno indicato che il punteggio GC e il sottotipo basale-luminale derivati ​​da campioni tumorali archiviati possono essere biomarcatori di risposta ad Apalutamide + terapia di deprivazione androgenica nel setting nmCRPC.
Sebbene complessivamente l'aggiunta di Apalutamide alla terapia ADT sia stata benefica, i sottotipi luminali e ad alto rischio sono sembrati trarne i maggiori benefici.

L'ottenimento di punteggi GC può essere utile per identificare i pazienti per l'intensificazione precoce del trattamento con Apalutamide e la sottotipizzazione basale-luminale può essere un approccio vantaggioso per la selezione dei pazienti per un'ulteriore intensificazione del trattamento negli studi che combinano nuove terapie con Apalutamide. ( Xagena2021 )

Feng FY et al, JAMA Oncol 2021; 7: 1005-1014

Uro2021 Onco2021 Farma2021


Indietro