Tumore prostata
Genitourinary Cancars Symposium
Tumore Vescica
EAU17

Associazione del grado di Gleason con la durata della terapia di deprivazione degli androgeni ed esiti di sopravvivenza nel carcinoma alla prostata ad alto rischio


La terapia di deprivazione androgenica ( ADT ) migliora gli esiti di sopravvivenza nei pazienti con tumore alla prostata ad alto rischio ( PCa ) trattati con radioterapia ( RT ).
Non è chiaro se questo beneficio differisca tra i pazienti nel gruppo di grado di Gleason 4 ( GG 4 ) ( precedentemente punteggio di Gleason 8 ) e GG 5 ( precedentemente punteggio di Gleason 9-10 ).

Si è determinato se l'efficacia della durata della terapia ADT vari tra i pazienti con carcinoma alla prostata ad alto rischio GG 4 versus GG 5.

Sono state effettuate meta-analisi di dati di 992 pazienti ( 593 GG 4 e 399 GG 5 ) che sono stati arruolati in 6 studi clinici randomizzati.

Sono state ottenute stime del rapporto di rischio ( hazard ratio, HR ) degli effetti della durata della terapia ADT sulla sopravvivenza globale ( OS ) e sulla sopravvivenza libera da metastasi a distanza ( DMFS ).
Per stimare gli hazard ratio per la sopravvivenza specifica per il cancro ( CSS ) sono stati utilizzati modelli di rischio concorrente specifici per causa.
Sono stati confrontati i risultati di pazienti trattati con solo radioterapia, terapia ADT a breve termine ( STADT ), terapia ADT a lungo termine ( LTADT ) e terapia ADT permanente.

Sono stati identificati 593 pazienti maschi ( età media, 70 anni ) con GG 4 e 399 con GG 5.

Il follow-up mediano è stato di 6.4 anni.

Tra i pazienti GG 4, la terapia LTADT e la terapia STADT hanno migliorato la sopravvivenza globale rispetto alla sola radioterapia ( HR=0.43 e HR=0.59, rispettivamente; P=0.03 ), mentre la terapia ADT per tutta la vita non lo ha fatto ( HR=0.84, P=0.44 ).

Tra i pazienti GG 5, la terapia ADT per tutta la vita ha migliorato la sopravvivenza globale ( HR=0.48, P=0.04 ), mentre né la terapia LTADT né la terapia STADT lo hanno fatto ( HR=0.80 e HR=1.13; P=0.45 e P=0.64, rispettivamente ).
Tra tutti i pazienti, e tra quelli trattati con terapia STADT, i pazienti GG 5 hanno presentato una sopravvivenza globale inferiore rispetto ai pazienti GG 4 ( HR=1.25 e HR=1.40, rispettivamente; P=0.02 ).

Non vi è stata alcuna differenza significativa nella sopravvivenza globale tra pazienti GG 5 e GG 4 trattati con terapia LTADT o terapia ADT permanente ( HR=1.21 e HR=0.85; P=0.23 e P=0.52, rispettivamente ).

Questi dati hanno indicato che una prolungata durata della terapia di deprivazione androgenica migliora gli esiti di sopravvivenza sia nella malattia GG 4 che nella malattia GG 5, anche se con durate ottimali differenti.
Dovrebbero essere studiate strategie per mantenere l'efficacia della terapia ADT minimizzandone la durata, possibilmente con agenti potenziatori. ( Xagena2019 )

Kishan AU et al, JAMA Oncol 2019; 5: 91-96

Uro2019 Onco2019 Farma2019


Indietro