GSK Infettivologia
Tumore prostata
Forum Infettivologico
Xagena Mappa

Associazione degli inibitori della 5-alfa-reduttasi con la mortalità per tumore alla prostata


Ci sono prove che gli inibitori della 5-alfa-reduttasi ( 5-ARI ), un trattamento standard dell'iperplasia prostatica benigna, sono associati a una diminuzione dell'incidenza del tumore alla prostata.
Tuttavia, gli studi fino ad oggi hanno avuto risultati contrastanti per quanto riguarda l'associazione con la mortalità per cancro alla prostata ( PCM ).

È stata valutata l'associazione del trattamento con gli inibitori 5-ARI e la mortalità per carcinoma alla prostata negli uomini senza una precedente diagnosi di tumore prostatico.

È stato condotto uno studio di coorte basato sulla popolazione a Stoccolma, in Svezia, tra il 2007 e il 2018 che ha incluso 429.977 uomini con un test dell'antigene prostatico specifico ( PSA ) entro il periodo di studio.
L'ingresso allo studio è stato fissato a 1 anno dopo il primo test PSA.

Dopo il test PSA iniziale, gli uomini con due o più prescrizioni di nuova somministrazione di inibitori 5-ARI, Finasteride ( Proscar ) o Dutasteride ( Avodart ) sono stati considerati utilizzatori di inibitori 5-ARI ( n=26.190 ).

L'esito primario era la mortalità per cancro alla prostata. Sono stati calcolati gli hazard ratio ( HR ) per la mortalità per qualsiasi causa e la mortalità per il tumore alla prostata.

La coorte di studio ha compreso 349.152 uomini. L'età mediana per quelli con due o più prescrizioni di inibitori 5-ARI era 66 anni e 57 anni per quelli senza.
Il tempo mediano di follow-up è stato di 8.2 anni con 2.257.619 anni-persona per il gruppo non-esposto e 124.008 anni-persona per il gruppo esposto.
L'esposizione mediana al trattamento con inibitori 5-ARI è stata di 4.5 anni.

Durante il follow-up, 35.767 uomini ( 8.3% ) sono morti, con 852 decessi associati a carcinoma prostatico.
L'analisi di sopravvivenza multivariata aggiustata ha mostrato un rischio più basso di mortalità per tumore alla prostata nel gruppo 5-ARI con tempi di esposizione più lunghi ( 0.1-2.0 anni: HR aggiustato, 0.89; più di 8 anni: HR aggiustato, 0.44 ).

Non sono state osservate differenze statisticamente significative nella mortalità per qualsiasi causa tra il gruppo esposto e quello non-esposto.

Gli uomini trattati con inibitori della 5-alfa-reduttasi sono stati sottoposti a più test PSA e biopsie all'anno rispetto al gruppo non-esposto ( mediana di 0.63 vs 0.33 e 0.22 vs 0.12, rispettivamente ).

I risultati di questo studio di coorte hanno indicato che non vi è stata alcuna associazione tra il trattamento con gli inibitori della 5-alfa-reduttasi e l'aumento della mortalità per carcinoma prostatico in un'ampia coorte di uomini basata sulla popolazione senza una precedente diagnosi di cancro alla prostata.

Inoltre, è stata osservata un'associazione dipendente dal tempo con una riduzione del rischio di mortalità per carcinoma alla prostata con un più lungo trattamento con gli inibitori della 5-alfa-reduttasi.
Sono necessarie ulteriori ricerche per determinare se le differenze sono dovute agli effetti intrinseci dei farmaci o alle differenze dei test per il carcinoma alla prostata. ( Xagena2022 )

Björnebo L et al, JAMA Oncol 2022; 8: 1019-1026

Uro2022 Onco2022 Farma2022



Indietro