GSK Infettivologia
Tumore prostata
Forum Infettivologico
Tumore prostata

Approccio immunoterapico su misura con Nivolumab nel carcinoma a cellule di transizione avanzato


Diversi inibitori del checkpoint immunitario PD-L1 sono approvati nel carcinoma uroteliale avanzato / metastatico ( mUC ).
Recentemente, è stata segnalata una migliore attività di una combinazione anti-PD-1 / anti-CTLA-4 rispetto alla monoterapia anti-PD-1.

E' stato riportato un approccio basato sulla risposta che inizia il trattamento con Nivolumab ( Opdivo ) in monoterapia con Nivolumab / Ipilimumab ( Yervoy ) come boost immunoterapeutico.

Dopo 4 dosi di induzione con Nivolumab, i responder hanno continuato con la terapia di mantenimento con Nivolumab.
I pazienti con malattia stabile / progressiva hanno ricevuto Nivolumab 3 mg/kg più Ipilimumab 1 mg/kg una volta ogni 3 settimane per 2 dosi, seguito da Nivolumab 1 mg/kg più Ipilimumab 3 mg/kg una volta ogni 3 settimane per 2 dosi, se non rispondevano al boost iniziale.
I responder al boost hanno continuato con il mantenimento con Nivolumab.

Tra il 2017 e il 2019 sono stati arruolati 86 pazienti. Il follow-up mediano è stato di 7.7 mesi.

L'endpoint primario era il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) secondo i criteri RECIST1.1. Gli endpoint secondari includevano l'efficacia dell'induzione con Nivolumab, il tasso di remissione con i boost di Nivolumab / Ipilimumab, la sopravvivenza globale ( OS ) e la sicurezza.

Di tutti i pazienti, 42, 39 e 5 erano rispettivamente di prima linea ( 1L ), seconda linea ( 2L ) e terza linea ( 3L ).
L'età media era di 68 anni.
Il tasso di risposta obiettiva con Nivolumab in monoterapia ( valutato alla settimana 8 ) è stato rispettivamente del 29% in 1L e del 23% in 2/3L.

In tutto, 41 pazienti hanno ricevuto precocemente ( settimana 8 ) e 11 hanno ricevuto successivamente boost della combinazione Nivolumab e Ipilimumab.

Il tasso di risposta obiettiva con Nivolumab con o senza Nivolumab / Ipilimumab ( migliore risposta globale ) è stato rispettivamente del 45% e del 27% in 1L e 2/3L.
In 1L, 7 dei 17 pazienti che hanno ricevuto boost alla settimana 8 sono migliorati, rispetto a 2 su 24 in 2/3L.

L'approccio su misura di TITAN-TCC ha mostrato un'attività clinica significativa a supporto dell'inibizione del doppio checkpoint in prima linea del carcinoma uroteliale metastatico.
Tuttavia, l'inizio della terapia esclusivamente con Nivolumab appare inadeguato data la natura aggressiva del tumore uroteliale metastatico.

In seconda / terza linea, i boost di Nivolumab / Ipilimumab con l'aumento della dose di Ipilimumab non hanno migliorato gli esiti di efficacia rispetto a Nivolumab in monoterapia.

È in corso una coorte indipendente di seconda linea in TITAN-TCC, in cui il carcinoma uroteliale mestatico è trattato con Nivolumab 1 mg/kg più Ipilimumab 3 mg/kg una volta ogni 3 settimane per 4 dosi. ( Xagena2022 )

Grimm MO et al, J Clin Oncol 2022; 40: 2128-2137

Uro2022 Onco2022 Farma2022



Indietro