Forum Infettivologico
GSK Infettivologia
Tumore prostata
Tumore prostata

Apalutamide produce un alto tasso di biopsie ripetute negative negli uomini con cancro alla prostata sottoposti a sorveglianza attiva


Uno studio di fase 2 ha mostrato che il trattamento con Apalutamide ( Erleada ) in monoterapia per 90 giorni ha portato a biopsie ripetute negative negli uomini con un rischio molto basso di cancro alla prostata a rischio intermedio favorevole sotto sorveglianza attiva.

La sorveglianza attiva è una strategia di gestione ben riconosciuta per gli uomini con tumore alla prostata a basso rischio con una riduzione complessiva del trattamento eccessivo pur mantenendo i tassi di guarigione.
La sorveglianza attiva è ritenuta essere la migliore opzione per gli uomini con cancro alla prostata a rischio molto basso, e come opzione preferita per quelli con malattia a basso rischio.
Inoltre, per coloro che soffrono di tumore alla prostata, a rischio intermedio favorevole, la sorveglianza attiva si è rivelata anche una strategia sicura ed efficace per mitigare il trattamento eccessivo.

Tuttavia, molti pazienti sono ancora sottoposti a prostatectomia o a radioterapia a seguito di riclassificazione patologica, come un aumento del volume del tumore o del punteggio alla scala Gleason.
Pertanto, sono necessarie strategie per ridurre l'abbandono della sorveglianza attiva.

Uno studio ha valutato se il trattamento con Apalutamide sia associato a biopsie ripetute negative tra i pazienti in sorveglianza attiva, riducendo pertanto i tassi di progressione patologica e di abbandono della sorveglianza attiva.

Lo studio in aperto di fase 2 ha valutato 90 giorni di trattamento per os con Apalutamide alla dose di 240 mg al giorno negli uomini sottoposti a sorveglianza attiva.
Apalutamide è stato somministrato in assenza di castrazione medica o chirurgica.

Per essere eleggibili i pazienti dovevano avere un carcinoma prostatico a rischio basso-intermedio, definito come malattia in stadio clinico T1c, PSA inferiore a 15 ng/ml, punteggio Gleason 3 + 4 presente nel 50% o meno di un core / sito come rilevato dalla biopsia sistematica o dalla biopsia guidata dalla fusione d'immagini RMI [ risonanza magnetica ] / TRUS [ ecografia transrettale ], e malattia di Gleason 3 + 3 in tutti gli altri core.

La percentuale di pazienti con una biopsia negativa immediatamente dopo il ciclo di trattamento di 90 giorni ha rappresentato l'obiettivo primario dello studio.
Gli obiettivi secondari includevano: i risultati clinici a lungo termine, la qualità di vita, la sicurezza e i biomarcatori esplorativi di risposta / resistenza.

In totale, 23 pazienti sono stati arruolati nello studio, con 22 che hanno completato il regime di trattamento di 90 giorni con biopsia post-trattamento.
Quindici pazienti ( 68% ) hanno riferito di essere affetti da malattia di grado Gleason 1, mentre i rimanenti erano affetti da malattia di grado 2.
Secondo i criteri del NCCN ( National Comprehensive Cancer Network ), 3 pazienti ( 14% ) avevano una malattia a rischio molto basso, 11 ( 50% ) una malattia a basso rischio e 8 ( 36% ) una malattia a rischio intermedio favorevole.

Il PSA ( antigene prostatico specifico ) mediano è stato pari a 4.57 ( intervallo, 2.4-10.94 ), con una mediana di 2 core coinvolti ( intervallo, 1-6 ).

Il tempo mediano della sorveglianza attiva è stato di 10.7 mesi ( intervallo, 0.9-102.7 mesi ).

A 90 giorni, 13 pazienti ( 59% ) non hanno mostrato alcuna evidenza di cancro residuo alla biopsia post-trattamento dopo terapia con Apalutamide.
A 1 anno, 7 pazienti ( 35% ) non avevano evidenza di cancro residuo a una seconda biopsia.
Tutti i pazienti hanno presentato un calo superiore del 50% del PSA, e la maggioranza ha avuto un calo maggiore del 90%.

Apalutamide è apparso ben tollerato, in linea con il profilo di sicurezza noto del farmaco. Gli eventi avversi più comuni hanno compreso: affaticamento ( grado 1, 70%; grado 2, 9% ), ginecomastia ( grado 1, 70% ), artralgia / mialgia ( grado 1, 30% ), disgeusia ( grado 1, 30% ), eruzione cutanea ( grado 1, 26% ), deterioramento cognitivo ( grado 1, 22% ), vampate di calore ( grado 1, 22% ), TSH [ ormone tireostimolante ] elevato ( grado 1, 17% ), anoressia ( grado 1, 13% ), pelle secca ( grado 1, 13% ), diminuzione della libido ( grado 1, 13% ), prurito ( grado 1, 13% ), nausea ( grado 1, 9% ) e perdita di peso ( grado 1, 9% ).
Un paziente ha manifestato ipertensione di grado 3 e un altro paziente ha avuto eruzione cutanea di grado 3. In entrambi i pazienti la dose è stata ridotta, e non hanno abbandonato lo studio. ( Xagena2020 )

Fonte: Society of Urologic Oncology ( SUO ) Virtual Meeting, 2020

Uro2020 Onco2020 Farma2020


Indietro