GSK Infettivologia
Tumore prostata
Forum Infettivologico
Xagena Mappa

Aggiunta di Nintedanib o placebo a Gemcitabina neoadiuvante e Cisplatino nel tumore della vescica muscolo-invasivo localmente avanzato: studio NEOBLADE


La recidiva è comune dopo la chemioterapia neoadiuvante e il trattamento radicale per il tumore della vescica muscolo-invasivo.
È stato studiato l'effetto dell'aggiunta di Nintedanib ( Vargatef ) alla chemioterapia neoadiuvante sulla risposta e sulla sopravvivenza nel cancro della vescica muscolo-invasivo.

NEOBLADE era uno studio di fase 2 a bracci paralleli, in doppio cieco, randomizzato, controllato con placebo, sulla chemioterapia neoadiuvante con Gemcitabina e Cisplatino con Nintedanib o placebo nel tumore della vescica muscolo-invasivo localmente avanzato.

I pazienti di età pari o superiore a 18 anni, con un ECOG performance status di 0-1, sono stati reclutati da 15 ospedali nel Regno Unito.
I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a Nintedanib o placebo, stratificando per Centro e velocità di filtrazione glomerulare.
I pazienti e i ricercatori non conoscevano l'assegnazione del trattamento durante lo studio.

I pazienti hanno ricevuto Nintedanib orale ( 150 mg o 200 mg due volte al giorno per 12 settimane ) oppure placebo, in aggiunta alla consueta chemioterapia neoadiuvante con Gemcitabina per via endovenosa 1.000 mg/m2 nei giorni 1 e 8 e Cisplatino per via endovenosa 70 mg/m2 il giorno 1 di un ciclo di 3 settimane.

L'endpoint primario era il tasso di risposta patologica completa, valutato alla cistectomia o al giorno 8 del ciclo 3 ( più o meno 7 giorni ) se non si verificava la cistectomia.
Le analisi primarie sono state effettuate nella popolazione intention-to-treat ( ITT ).

Tra il 2014 e il 2018, 120 pazienti sono stati reclutati e assegnati in modo casuale a ricevere Nintedanib ( n=57 ) oppure placebo ( n=63 ).
Il follow-up mediano per lo studio è stato di 33.5 mesi.

La risposta patologica completa nella popolazione ITT è stata raggiunta in 21 su 57 pazienti ( 37% ) nel gruppo Nintedanib e 20 su 63 ( 32% ) nel gruppo placebo ( odds ratio, OR=1.25; P=0.28 ).
Tossicità di grado 3 o peggiore sono state osservate in 53 dei 57 partecipanti ( 93% ) che hanno ricevuto Nintedanib e 50 dei 63 pazienti ( 79% ) nel gruppo placebo ( OR=1.65; P=0.24 ).

Gli eventi avversi di grado 3 o peggiore più comuni sono stati: eventi tromboembolici ( 17 su 57 pazienti, 30%, nel gruppo Nintedanib vs 13 su 63 pazienti, 21%, nel gruppo placebo, OR 1.63; P=0.29 ) e una diminuzione della conta dei neutrofili ( 22, 39%, nel gruppo Nintedanib vs 7, 11%, nel gruppo placebo, 5.03; P=0.0006 ).

Si sono verificati 45 eventi avversi gravi correlati al trattamento nel gruppo Nintedanib e 43 si sono verificati nel gruppo placebo.
Nel gruppo placebo si è verificato un decesso correlato al trattamento, dovuto a infarto del miocardio.

L'aggiunta di Nintedanib alla chemioterapia è risultata sicura ma non ha migliorato il tasso di risposta patologica completa nel tumore della vescica muscolo-invasivo. ( Xagena2022 )

Hussain SA et al, Lancet Oncology 2022; 23: 650-658

Uro2022 Onco2022 Farma2022


Indietro