Forum Infettivologico
GSK Infettivologia
Tumore prostata
Xagena Mappa

Irradiazione esterna con o senza terapia di soppressione androgenica a lungo termine per il carcinoma della prostata con alto rischio di metastasi


Uno studio randomizzato di fase 3, in aperto, ha valutato i benefici dell'aggiunta di terapia di soppressione androgenica a lungo termine con un agonista dell'ormone di rilascio dell'ormone luteinizzante ( LHRH ), all'irradiazione esterna in pazienti con carcinoma della prostata ad alto rischio di metastasi.

Sono stati riportati i risultati a 10 anni.

I pazienti adatti all'arruolamento in questo studio avevano un'età inferiore a 80 anni e una nuova diagnosi con conferma istologica di adenocarcinoma prostatico T1-2 con grado istologico WHO ( Organizzazione Mondiale della Sanità ) 3 o adenocarcinoma prostatico T3-4 di qualsiasi grado istologico e un performance status WHO di 0-2.

I pazienti sono stati assegnati in maniera casuale e in un rapporto 1:1 a ricevere radioterapia da sola o radioterapia più soppressione androgenica immediata.

Le persone che hanno preso parte allo studio sono state sottoposte a irradiazione esterna una volta al giorno per 5 giorni a settimana per 7 settimane per un totale di 50 Gy alla regione pelvica, con altri 20 Gy a prostata e vescicole seminali.

L'agonista di LHRH, Goserelin acetato ( Zoladex ) ( 3.6 mg per via sottocutanea ogni 4 settimane ), è stato iniziato il primo giorno di irradiazione e continuato per 3 anni; Ciproterone acetato ( Androcur ) ( 50 mg per via orale 3 volte al giorno ) è stato somministrato per 1 mese a partire dalla settimana precedente rispetto alla prima iniezione di Goserelin.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da malattia e le analisi sono state per intention-to-treat.

Nel periodo 1987-1995, 415 pazienti sono stati assegnati in maniera casuale ai gruppi di trattamento e sono stati inclusi nell'analisi ( 208 solo radioterapia, 207 trattamento combinato ).

Il follow-up mediano è stato di 9.1 anni ( intervallo interquartile 5.1-12.6 ).

A 10 anni, è stata osservata una sopravvivenza libera da malattia di 22.7% nel gruppo solo radioterapia e 47.7% nel gruppo trattamento combinato ( hazard ratio [ HR ] 0.42, p inferiore a 0.0001 ), mentre la sopravvivenza generale è stata del 39.8% nel gruppo solo radioterapia e del 58.1% in quello trattamento di combinazione ( HR=0.60, p=0.0004 ) e la mortalità correlata a tumore della prostata è stata pari al 30.4% e 10.3%, rispettivamente ( HR=0.38, p inferiore a 0.0001 ).

Non è emersa una differenza significativa nella mortalità cardiovascolare tra i gruppi di trattamento sia nei pazienti che avevano problemi cardiovascolari all'arruolamento ( 8 su 53 pazienti nel gruppo trattamento combinato hanno mostrato una causa di morte cardiovascolare vs 11 su 63 nel gruppo radioterapia; p=0.60 ) sia in pazienti liberi da tali disturbi ( 14 su 154 vs 6 su 145; p=0.25 ).

Nei pazienti del gruppo trattamento combinato si sono verificate 2 fratture.

In conclusione, nei pazienti con tumore della prostata ad alto rischio di metastasi, la terapia immediata di soppressione androgenica con un agonista LHRH somministrato durante e per i 3 anni successivi migliora la sopravvivenza libera da malattia e quella generale a 10 anni senza aumentare la tossicità cardiovascolare tardiva. ( Xagena2010 )

Bolla M et al, Lancet Oncol 2010; 11: 1066-1073


Onco2010 Uro2010 Farma2010


Indietro