Tumore prostata
Genitourinary Cancars Symposium
Controversies in Genitourinary Tumors

Sorveglianza attiva per il cancro alla prostata clinicamente localizzato


La sorveglianza attiva rappresenta una strategia per affrontare il trattamento eccessivo del cancro alla prostata, tuttavia l’incertezza per quanto riguarda l’esito del paziente rimane una preoccupazione.
Sono stati valutati i risultati in uno studio multicentrico prospettico di sorveglianza attiva.

Sono stati studiati 905 uomini nella coorte prospettica Canary PASS arruolati tra il 2008 e il 2013.
Sono stati raccolti i dati clinici all'inizio dello studio e a intervalli pre-specificati, e sono state determinate le associazioni con le riclassificazione avverse, definite come un aumento di grado Gleason o volume del cancro superiore alla biopsia di follow-up.
Sono stati anche valutati i rapporti dei parametri clinici con i risultati della patologia nei soggetti che hanno subito un intervento chirurgico dopo un periodo di sorveglianza attiva.

A un follow-up mediano di 28 mesi, il 24% dei partecipanti ha avuto riclassificazione avversa, di cui il 53% ha subito il trattamento mentre il 31% ha continuato con la sorveglianza attiva.

Complessivamente il 19% dei partecipanti ha ricevuto un trattamento, il 68% con riclassificazione avversa, mentre il 32% ha optato per il trattamento senza riclassificazione della malattia.

Nell’analisi multivariata di Cox che ha modellato la percentuale di biopsie con il cancro, l’indice di massa corporea ( BMI ) e la densità di antigene prostatico specifico sono stati associati con la riclassificazione avversa ( P=0.01, P=0.04, P=0.04, rispettivamente ).

Dei 103 partecipanti successivamente trattati con prostatectomia radicale, il 34% ha avuto patologia avversa, definita come modello primario 4-5 o malattia non-confinata all’organo, di cui 2 con linfonodi positivi, senza alcuna relazione significativa tra categoria di rischio alla diagnosi e risultati durante l'intervento chirurgico ( P=0.76 ).

In conclusione, la maggior parte degli uomini rimane in sorveglianza attiva a 5 anni senza riclassificazione negativa o patologia avversa a un intervento chirurgico.
Tuttavia, i fattori clinici hanno avuto solo una modesta associazione con la riclassificazione della malattia, sostenendo la necessità di approcci che migliorino la previsione di questo risultato. ( Xagena2016 )

Newcomb LF et al, J Urology 2016; 195: 313-320

Uro2016 Onco2016 Diagno2016



Indietro