Gastroenterologia.net
Cardiologia.net
Neurologia

Classificazione prognostica a 5 fattori migliorata dei pazienti trattati con terapia sistemica di salvataggio per carcinoma uroteliale avanzato


I fattori prognostici nei pazienti trattati con terapia sistemica di salvataggio per carcinoma uroteliale avanzato includono performance status, metastasi epatiche, emoglobina e tempo dall’inizio della chemioterapia.
È stato studiato l'impatto dell’albumina e della conta di neutrofili, linfociti e della conta piastrinica.

I dati di scoperta sono stati ottenuti da 708 pazienti.

Dopo aggiustamento per i 4 fattori noti, la conta piastrinica pari al limite superiore del valore normale o superiore e i valori di albumina inferiori al limite inferiore del normale sono risultati essere fattori prognostici sfavorevoli significativi.

Solo l'aggiunta di albumina è stata convalidata esternamente.

Per 0 o 1, 2 e 3 o più fattori di rischio la sopravvivenza mediana globale è stata di 8.9, 6.4 e 4.5 mesi in 207, 171 e 113 pazienti nel set di dati di scoperta di 491 pazienti, e 10.6, 10.0 e 7.0 mesi in 73, 47 e 47 pazienti, rispettivamente, nel set di dati di validazione di 167 pazienti.

Con l'aggiunta di albumina, il c-index è migliorato da 0.610 a 0.639 nel set di scoperta e da 0.616 a 0.646 nel set di validazione.

In conclusione, l'albumina è stata esternamente convalidata come un fattore prognostico per la sopravvivenza globale dopo aver tenuto conto del tempo dalla precedente chemioterapia, emoglobina, performance status e stato di metastasi epatiche nei pazienti che ricevono terapia sistemica di salvataggio per carcinoma uroteliale avanzato.
La scoperta di fattori prognostici molecolari è una priorità per migliorare ulteriormente questo nuovo modello prognostico clinico a 5 fattori. ( Xagena2016 )

Sonpavde G et al, J Urol 2016; 195: 277-282

Uro2016 Onco2016



Indietro