Cardiologia.net
Gastroenterologia.net
OncoGinecologia.net

Cancro alla prostata: alte dosi di radioterapia a intensità modulata convenzionale versus ipofrazionata


Il cancro della prostata potrebbe avere un'elevata sensibilità alla frazione di radiazioni che darebbe un vantaggio terapeutico al trattamento ipofrazionato.
E’ stata presentata una analisi pre-pianificata sull'efficacia e sugli effetti collaterali svolta uno studio randomizzato che ha confrontato la radioterapia convenzionale e ipofrazionata dopo 5 anni di follow-up.

CHHiP era uno studio di fase 3, randomizzato, di non-inferiorità, che ha reclutato gli uomini con carcinoma prostatico localizzato ( pT1b-T3aN0M0 ).
I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a radioterapia convenzionale ( 74 Gy somministrati in 37 frazioni in 7.4 settimane ) o a uno dei due programmi ipofrazionati ( 60 Gy in 20 frazioni in 4 settimane oppure 57 Gy in 19 frazioni in 3.8 settimane ), somministrata con tecniche di intensità modulata.

La maggior parte dei pazienti è stata sottoposta a radioterapia con 3-6 mesi di soppressione degli androgeni neoadiuvante e concomitante.
La randomizzazione è stata effettuata in base ai gruppi di rischio NCCN ( National Comprehensive Cancer Network ) e al Centro di trattamento della radioterapia.

L'endpoint primario era il tempo al fallimento biochimico o clinico; l’hazard ratio critico ( HR ) per la non-inferiorità era pari a 1.208.

L'analisi era intention-to-treat.

Il follow-up a lungo termine è in corso.

Tra il 2002 e il 2011, sono stati arruolati 3.216 uomini da 71 Centri e sono stati assegnati in modo casuale ( gruppo 74 Gy, 1.065 pazienti; gruppo 60 Gy, 1.074 pazienti; gruppo 57 Gy, 1.077 pazienti ).

Il follow-up è stato di 62.4 mesi.

La proporzione di pazienti che erano liberi da fallimento biochimico o clinico a 5 anni è stata dell’88.3% nel gruppo 74 Gy, 90.6% nel gruppo 60 Gy e 85.9% nel gruppo 57 Gy.

60 Gy è risultato non inferiore a 74 Gy ( HR=0.84 [ 90% IC 0 • 68-1.03 ], pNI=0.0018 ), ma la non-inferiorità non è stata evidenziata per 57 Gy rispetto a 74 Gy ( HR=1.20, pNI=0.48 ).

Gli effetti collaterali a lungo termine erano simili nei gruppi ipofrazionati rispetto al gruppo convenzionale.
Non ci sono state differenze significative nella proporzione o nell'incidenza cumulativa di effetti collaterali 5 anni dopo il trattamento utilizzando i report dei medici e dei pazienti.

L'incidenza cumulativa a 5 anni stimata di RTOG ( Radiation Therapy Oncology Group ) di grado 2 o superiore di eventi avversi di intestino e vescica è stata del 13.7% ( 111 eventi ) e 9.1% ( 66 eventi ) nel gruppo 74 Gy, 11.9% ( 105 eventi ) e 11.7% ( 88 eventi ) nel gruppo 60 Gy, 11.3% ( 95 eventi ) e 6.6% ( 57 eventi ) nel gruppo 57 Gy, rispettivamente.

Non sono stati riportati decessi correlati al trattamento.

La radioterapia ipofrazionata con 60 Gy in 20 frazioni non è inferiore al frazionamento convenzionale utilizzando 74 Gy in 37 frazioni ed è consigliata come nuovo standard di cura per la radioterapia a fasci esterni del carcinoma prostatico localizzato. ( Xagena2016 )

Dearnaley D et al, Lancet 2016; 17: 1047-1060

Onco2016 Uro2016



Indietro